Russiagate, “Flynn ha detto il falso” 

Scritto da il 30 novembre 2017

Russiagate, Flynn ha detto il falso

Pubblicato il: 01/12/2017 16:12

Il procuratore speciale che indaga sul Russiagate, Robert Mueller, rende noto la Cnn, ha incriminato l’ex consigliere per la sicurezza nazionale di Donald Trump, Michael Flynn per aver reso “volontariamente e consapevolmente” “dichiarazioni false, fittizie e fraudolente” all’Fbi, riguardanti le sue conversazioni con l’ex ambasciatore russo a Washington, Sergei Kislyak.

Flynn è il primo funzionario dell’amministrazione e il quarto legato alla campagna ad essere accusato formalmente nel quadro dell’inchiesta condotta da Mueller su possibili collusioni tra governo russo e membri del team di Trump oltre che su eventuali azioni di intralcio alla giustizia e reati finanziari. L’ex presidente della campagna di Trump, Paul Manafort, ed il suo vice, Rick Gates, sono stati accusati formalmente lo scorso mese: si sono dichiarati non colpevoli. E il consigliere per la politica estera della campagna di Trump George Papadopoulos si è riconosciuto colpevole di aver reso una falsa dichiarazione al Fbi riguardo ai suoi contatti con funzionari legati al governo russo. L’accusa a carico di Flynn è la prima dell’inchiesta Mueller che tocca qualcuno alla Casa Bianca ed è uno dei segnali che testimonia che l’indagine si sta intensificando.

GENERO DI TRUMP COINVOLTO – Jared Kushner verrebbe coinvolto dalle dichiarazioni rese da Michael Flynn ai procuratori sul suo ruolo nel Russiagate. Una delle dichiarazioni rese da Flynn agli inquirenti che lo hanno chiamato a rispondere di false dichiarazioni riguardanti il caso coinvolgerebbe proprio il genero di Donald Trump. A fare il nome di Kushner sono alcuni media americani, tra cui NBCNews, Bloomberg e il Washington Post, riferendo delle dichiarazioni con cui Flynn avrebbe fatto riferimento al ruolo svolto da un alto esponente del team del presidente, senza nominarlo.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background