Dell’Utri, vescovo Mogavero: “Disumano negargli il calore della famiglia”  

Scritto da il 8 dicembre 2017

Dell'Utri, vescovo Mogavero: Disumano negargli il calore della famiglia

(Fotogramma)

Pubblicato il: 09/12/2017 12:08

“La grazia per Marcello Dell’Utri la si può certamente chiedere per le sue condizioni di salute, poi tocca però al Presidente della Repubblica concederla o meno. Ma negargli il calore di una famiglia, pur con tutte le garanzie di legge, nelle sue condizioni di salute, a me sembra davvero disumano”. Lo ha detto all’Adnkronos, monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo (Trapani) e vescovo delegato per il dialogo interreligioso della Conferenza episcopale siciliana, parlando delle condizioni di salute dell’ex senatore di Forza Italia Marcello Dell’Utri, al quale il Tribunale di sorveglianza ha negato la sospensione di pena per potersi curare.

“Se devo dirla tutta – aggiunge il prelato – io avrei voluto che anche Totò Riina potesse morire tra i suoi cari in casa, perché nessuno ci ha guadagnato nulla a farlo morire detenuto: Secondo me ci abbiamo perso in umanità. Perché la clemenza è sempre un atto di umanità e l’umanità è sempre superiore a qualsiasi ricerca di vendetta, comunque la si rivesta: di legalità o intransigenza”.

Per monsignor Mogavero, “il giudice non ha una possibilità di eludere la norma che per lui è vincolante ma ci sono margini discrezionali anche nell’applicazione della norma. Le norme non sono una ghigliottina che taglia e basta, ma i giudici hanno sempre una forma interpretativa che permette di giostrare il rigore della norma con qualche ‘escamotage’, chiamiamolo così. Spetta all’intelligenza del giudice trovare il modo per applicarla senza evidenziarne l’aspetto del rigore estremo. Chi conosce la legge, sa bene che la legge stessa lo consente”.

E ricorda: “Io sono stato nel Tribunale ecclesiastico – dice – E so che il rigore della dottrina a volte può esser coniugato con una interpretazione che guardi più al bene della persona, anziché all’affermazione teorica del primato della legge”.

Monsignor Mogavero spiega poi: “Il carcere non è una vendetta delle istituzioni nei confronti dei cittadini. Se perdiamo di vista che il carcere serve non a vendicare la pubblica opinione per un fatto grave che l’ha colpita, ma serve per mettere in condizione, chi ha violato le leggi, di capire il male che ha fatto, e incamminarsi per un percorso di riabilitazione, se perdiamo di vista questo, allora le carceri ci sono e devono essere dure per tutti. E non devono aprirsi se non a conclusione della pena con il massimo del rigore. Se, invece, ci rendiamo conto che il carcere è un luogo di pena ma è anche un luogo dove ci sono delle persone e non dei mostri, o delle belve, perché nessuno è belva, neppure chi si è macchiato del delitto più grave, perché ha sbagliato, ma rimane sempre un uomo e non una bestia, questo bisogna tenerlo presente sempre”.

“Io mi metto dalla parte dell’uomo, non mi metto dalla parte dell’ordinamento, perché la giustizia probabilmente ha delle regole alle quali deve obbedire e non può tenere conto, se non nell’ambito di margini che l’ordinamento contempla nella sua discrezionalità – dice ancora monsignor Mogavero – Ma io, come uomo, dico che il carcere è un luogo terribile. Non so se tra quelli che hanno atteggiamenti oltranzisti siano mai entrati in un carcere. Io rimango molto colpito, ad esempio, dal rumore terribile delle chiavi che girano”. “E poi – aggiunge – – i volti dei detenuti sono i volti delle persone che incontriamo tutti i giorni. E quando li vedo partecipare a messa o quando li sento parlare alla fine della messa, mi rendo conto che è una umanità ferita che ha bisogno di amore e non di sferzate continue. Allora io dico: a volte bisogna che il rigore delle legge sia temperato da una forte umanità. Perché altrimenti non abbiamo fatto né il loro bene né delle loro famiglie, né il bene della società”.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background