Neve e vento, allerta meteo sull’Italia  

Scritto da il 8 dicembre 2017

Neve e vento, allerta meteo sull'Italia

(Afp)

Pubblicato il: 09/12/2017 16:18

Neve, pioggia, ma anche raffiche di vento e mareggiate. Italia sotto la minaccia del maltempo dalla Liguria alla Sardegna, con bollettini meteo di condizioni avverse e conseguente allerta dal giallo all’arancione in diverse regioni, dal Nord alle isole.

LIGURIA – Piogge diffuse e rovesci persistenti in arrivo sulla Liguria dove nel levante domani scatterà l’allerta meteo arancione, diffusa dalla Protezione civile e diramata da Arpal sulla base degli ultimi aggiornamenti meteo. Da domani un’intensa perturbazione porterà infatti precipitazioni forti fino a martedì, con venti di tempesta, mareggiate intense e gelate diffuse.

L’allerta arancione scatterà dalle 14 di domani fino alla mezzanotte e riguarderà i bacini medi e grandi nella zona lungo la costa da Portofino al confine con la Toscana, compresa tutta la provincia della Spezia e l’entroterra di Valfontanabuona e Valle Sturla. Sui bacini piccoli della stessa zona invece sarà in vigore l’allerta gialla.

Durante tutta la giornata di domani la sala operativa regionale resterà aperta per monitorare la situazione che potrebbe portare rovesci persistenti con cumulate elevate, su un territorio già saturo per le piogge di venerdì.

Dalla serata le precipitazioni dovrebbero andare estendendosi verso il centro ponente, in successiva intensificazione con il passare delle ore. Nell’entroterra inoltre sarà possibile il fenomeno del gelicidio, l’istantaneo congelamento dell’acqua a contatto con il suolo sottozero.

LOMBARDIA – La Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardia, sulla base delle previsioni meteorologiche di Arpa-Smr, ha emesso una comunicazione di ordinaria criticità (codice giallo) per rischio neve a partire dalle ore 12 di domani, domenica 10 dicembre, su tutto il territorio regionale.

“Da metà giornata di domani sono previste deboli nevicate ad iniziare su Alpi, Prealpi e Appennino. Tra il pomeriggio e la sera possibili anche sulla Pianura, maggiormente probabili sui settori centro-orientali. Accumuli ovunque generalmente deboli: solo localmente sui settori Prealpini orientali, attorno o lievemente superiori ai 10 centimetri fin sui fondovalle entro la mezzanotte. Sulla Pianura si potranno raggiungere i 2 centimetri dei settori occidentali fino ai 5 centimetri su quelli centro-orientali. “Già dalla tarda serata possibile passaggio a pioggia mista a neve o pioggia a partire dai settori della Pianura meridionale e Appennino con possibili fenomeni di gelicidio (pioggia che gela al suolo)”.

Lunedì 11 dicembre il tempo sarà perturbato con nevicate diffuse su Alpi, Prealpi e alta Pianura con quota neve in deciso rialzo nel corso della mattinata fino a portarsi gradualmente oltre i 1200 metri. “Nella notte possibili episodi di gelicidio (pioggia che gela al suolo) specie sulla bassa Pianura centro-occidentale e Appennino”. Le problematiche principali per rischio neve potrebbero essere legate soprattutto a difficoltà e rallentamenti del traffico stradale e ferroviario, oltre le quote segnalate. Anche nelle zone dove i quantitativi di neve saranno contenuti, non si esclude la possibile formazione di ghiaccio.

TOSCANAAllerta gialla per rischio vento e gelo nelle prossime ore a Firenze: per il ghiaccio le criticità inizieranno stasera alle 20 per concludersi alle 12 di domani, domenica 10 dicembre. L’allerta vento comincerà invece domani a mezzogiorno, per concludersi a mezzanotte.

In arrivo pioggia, vento e ghiaccio e qua e là anche una spruzzatina di neve nel resto della Toscana. La sala operativa unificata della protezione civile regionale ha emesso infatti alle 13 di oggi pomeriggio un’allerta che vale dalle otto di stasera fino alla mezzanotte di domenica 10 dicembre. Il codice è arancione per Lunigiana, Garfagnana, Mugello ed Appennino, Val Tiberina e Casentino, ma anche per la piana tra Lucca e Pistoia, il bacino di Bisenzio ed Ombrone e la Versilia. Colore giallo nel resto della Toscana.

La maggiore criticità è la pioggia attesa per domani, domenica, a partire dal settore nord-ovest, ovvero Lunigiana, Garfagnana, alto pistoiese ed Apuane. La pioggia è la conseguenza di un’intensa perturbazione nord atlantica in arrivo. Si prevedono fenomeni persistenti e abbondanti sui rilievi, fin dalla mattina, che si intensificheranno nel pomeriggio, quando si allargheranno anche al resto della Toscana ma con piogge sparse e generalmente di lieve intensità, moderate a tratti su Amiata, Casentino, Pratomagno e Val Tiberina.

Sulle aree di nord-ovest i cumulati attesi sono medi abbondanti, tra i 60 e i 70 millimetri, con massimi molto elevati, anche oltre 150 millimetri, sui rilievi esposti al flusso.

Sul resto della regione si prevedono cumulati medi localmente significativi con massimi non elevati, eccetto Amiata e Casentino dove potranno essere superiori, e intensità orarie massime generalmente moderate o a tratti forti sui settori sempre di nord-ovest.

Non è attesa comunque solo la pioggia. Nell’avviso meteo del centro funzionale del settore idrogeolico regionale, elaborato anche sulla base dei dati forniti dal Lamma toscano, si parla pure di vento e ghiaccio.

Nella mattinata di domenica i venti da sud, sud-ovest a partire dalle aree costiere e sui rilievi appenninici si intensificheranno gradualmente e nel pomeriggio si gonfieranno anche in pianura. Sono attese raffiche molto forti sui crinali appenninici e nelle aree a questi sottovento, forti sul resto della regione. Il mare sarà da molto mosso ad agitato nel pomeriggio.

Tra la sera del sabato e la mattina della domenica si potrà formare ghiaccio nelle aree appenniniche interessate dalle recenti precipitazioni.

Quanto alla neve, la previsione rientra nell’andamento della stagione. Ci potranno essere deboli nevicate anche a bassa quota e in pianura, la mattina e fino al primo pomeriggio, su Lunigiana, Garfagnana e, localmente, tra Lucca e Pistoia.

Gli accumuli saranno comunque poco abbondanti o localmente abbondanti. Poi, con il passare delle ore, la quota neve tornerà ad alzarsi verso collina e montagna. La neve potrebbe fare la sua comparsa nell’alto Mugello, Casentino e Valtiberina già oggi, sabato.

CAMPANIA – Collegamenti a singhiozzo questa mattina nel golfo di Napoli. Tante le corse di aliscafi e traghetti sulle tratte tra Napoli e Sorrento e le isole Ischia, Procida e Capri sospese a causa delle condizioni meteo avverse. Un forte vento sta sferzando le coste della Campania dalle prime ore del mattino e il mare si presenta molto agitato.

In considerazione dell’allerta meteo diramata dalla Protezione Civile, Anas comunica che rimarrà chiuso al traffico il tratto della strada statale 145 ‘Sorrentina’ dallo svincolo di Castellammare Ospedale (km 3,600) a quello di Castellammare Villa Cimmino (km 9,700), comprese le gallerie ‘Varano’ e ‘Privati’, in provincia di Napoli.

In occasione del ripristino della transitabilità lungo la tratta stradale, l’interdizione al traffico è necessaria per motivi di sicurezza legati al limitato deflusso delle acque di monte, per effetto della ridotta sezione di scorrimento delle acque del torrente ‘Rivo Calcarella’, a seguito del franamento della ripa posta a valle, occorsa in conseguenza delle eccezionali precipitazioni dello scorso 6 novembre.

La riapertura del tratto stradale e il conseguente ripristino della regolare circolazione (sempre nella fascia oraria compresa tra le 6.30 e le 22.00, con la presenza della sorveglianza permanente) verranno effettuati in relazione alla cessazione della allerta meteo. Il traffico utilizza i percorsi alternativi precedentemente impiegati, ovvero viabilità locale ed ex strade statali 366 “Agerolina” e 145.

SICILIA – A causa delle avverse condizioni meteo, collegamenti a singhiozzo per le isole Egadi in partenza da Trapani

SARDEGNA – Incidente dovuto al maltempo stamani verso le 12 sulla linea ferroviaria tra Borore e Macomer, in provincia di Nuoro. Il forte vento di maestrale che sta spazzando la Sardegna in queste ore ha divelto un cartello pubblicitario sulla statale 131 scaraventandolo sulla linea ferroviaria, dove proprio in quel momento passava il convoglio destinato a Macomer.

Nell’impatto il cartellone ha colpito un finestrino del treno, senza fortunatamente causare feriti tra i passeggeri. Il treno è arrivato a destinazione a Macomer senza ulteriori danni. Rfi ha inviato sul posto una squadra di tecnici per le verifiche del caso. La linea ferroviaria è stata interrotta dalla 12.10 alle 12,50, quando il traffico è stato riaperto.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background