Bitcoin, dove e come spenderli  

Scritto da il 11 dicembre 2017

Bitcoin, dove e come spenderli

A sinistra l’App del bar ‘Mani al cielo di Rovereto (AFP)

Pubblicato il: 12/12/2017 13:49

Bitcoin, dove spenderli? Ad oggi, in tutto il mondo, ci sono 11.099 possibilità. La criptovaluta – che al suo debutto al Cboe Global Markets di Chicago ha fatto segnare subito un record con prezzo di apertura a 15mila dollari – può essere utilizzata infatti laddove imprenditori e fornitori di servizi lo abbiano previsto.

Tali forti rialzi, secondo quanto sostenuto da Ewald Nowotny, banchiere centrale austriaco e membro del consiglio direttivo della Bce, rendono ad ogni modo necessari interventi di regolamentazione.

LA MAPPA – Ma intanto,per i più curiosi e i pionieri della moneta elettronica, per cercare dove – e come – spenderli, esiste una mappa: la ‘Coin Map’.

A Roma ci sono 39 possibilità di spesa attraverso il Bitcoin come, ad esempio, bed & breakfast, store di elettronica e librerie. Tra queste, ‘Libri Necessari’ in zona Monti.

ROMA – Nella capitale c’è anche un negozio di orologi di lusso che ha scelto la moneta virtuale come strumento di pagamento: lo storico Bedetti vicino via del Corso ha deciso di attivare tale possibilità perché – come si legge in un post sulla pagina Facebook – “se ti fidi della matematica, ti puoi fidare di Bitcoin”.

Su Milano e provincia, sono una settantina le possibilità sulle quali spendere la criptovaluta: oltre a notti in B&B, per chi ama lo Yoga, sulla cartina si trovano anche alcuni corsi acquistabili in Bitcoin.

MILANO – Inoltre, andando a spulciare, si trova una sorta di bancomat per questa moneta virtuale (secondo quanto indicato sulla mappa, in via Merano) dove poter effettuare compravendita di criptovaluta con quello che viene chiamato il ‘wallet Robocoin’, “il modo più semplice in assoluto per entrare” in questo mondo.

Spostandosi in Trentino, inoltre, a Rovereto c’è il bar ‘Mani al cielo’ che, attraverso la sua App, permette di pagare in Bitcoin anche caffè e cappuccino, una birra o un bicchiere di Gewürztraminer.

LA STORIA – La moneta creata nel 2009 da qualcuno conosciuto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, come si può vedere dalle macchie di colore realizzate sulla mappa, è usata soprattutto in Europa e Nord America ma anche in Sud Corea e Giappone.

Tra Tokyo e provincia, ad esempio, ci sono un centinaio di possibilità di spesa tra ristoranti, cocktail bar, centri per lo shopping e ostelli dove dormire.

ON LINE – Per quanto riguarda gli acquisti on line, il portale ‘Purse’ – su cui si possono trovare libri, droni, gadget, computer, biciclette e materiale di elettronica – offre una serie di sconti se si sceglie di comprare in Bitcoin. Il procedimento, spiegato sul sito, passa attraverso la lista dei desideri di Amazon (la ‘Wishlist’) e prevede uno sconto tra il 10 e il 33%.

In alcuni casi, infine, ci sono anche soggetti terzi che vendono ‘Buoni Acquisto’ per Amazon accettando il pagamento in criptovaluta; questo significa che, chi compra, paga il buono in Bitcoin ricevendo (ad esempio, via mail) il codice per il buono da usare per un acquisto.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background