Ikea incrocia le braccia  

Scritto da il 14 dicembre 2017

Ikea incrocia le braccia

Presidio davanti alla sede Ikea di Corsico (FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 15/12/2017 08:49

Ikea incrocia le braccia nella Capitale. I lavoratori di Anagnina e Porta di Roma oggi sono “in sciopero per Marica, Filippo, Francesca, Claudio e per tutti quei lavoratori che oggi si sentono garantiti ma che potrebbero per un nonnulla finire tra le persone a rischio di licenziamento”.

Marica Ricutti, una delle persone citate nel comunicato Flaica, è la mamma licenziata a fine novembre dalla sede di Corsico del colosso svedese, con una decisione “difficile quanto necessaria, nel rispetto dei propri valori e alla luce dei fatti avvenuti” aveva reso noto la compagnia, precisando le ragioni alla base del licenziamento.

MARICA – “Negli ultimi 8 mesi – scriveva Ikea – la signora Ricutti ha lavorato meno di 7 giorni al mese e, per circa la metà dei giorni lavorati, ha usufruito di cambi di turno e spostamenti di orario, concordati con i colleghi e con la direzione del negozio”. Secondo quanto riportato, “in più occasioni la lavoratrice – per sua stessa ammissione – si è auto-determinata l’orario di lavoro senza alcun preavviso né comunicazione di sorta, mettendo in gravi difficoltà i servizi dell’area che coordinava e il lavoro dei colleghi, creando disagi ai clienti e disservizi evidenti e non tollerabili”.

FLAICA – Per il segretario provinciale Flaica di Roma, Giancarlo Desiderati, però qualcosa non torna: “Forse dietro le motivazioni pretestuose tirate in ballo dal colosso svedese in realtà ci sono lavoratori con limitazioni lavorative, disabili e con figli invalidi che non sono più performanti secondo gli ‘standard Ikea’ e quindi probabilmente vanno eliminati dall’azienda”.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background