Statali, ecco la bozza  

Scritto da il 19 dicembre 2017

Statali, ecco la bozza

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 20/12/2017 18:37

Gli statali in eccedenza, ovvero gli esuberi, di un’amministrazione centrale potranno essere impiegati da un’altra amministrazione non solo a livello regionale ma addirittura nazionale. Si tratta di nuovi criteri per la mobilità dei dipendenti pubblici, contenuti nella bozza presentata oggi dall’Aran ai sindacati, all’avvio del rush finale per il rinnovo del contratto delle Funzioni centrali. Infatti l’amministrazione di appartenenza è tenuta a comunicare, allo scopo di facilitare il passaggio diretto del personale in eccedenza ad altre amministrazioni, anche a tutte la amministrazioni in ambito nazionale in aggiunta a quelle regionali già previste.

Statali, pausa pranzo ridotta a 10 minuti

Premi e indennità – Oltre la metà della parte variabile del salario accessorio degli statali, ovvero del fondo risorse decentrate, sarà destinato a premi e indennità. In particolare tali risorse dovrebbero essere finalizzate a premi correlati alla performance organizzativa e a quella individuale oltre che a indennità relative alle condizioni di lavoro: “A obiettive situazioni di disagio, rischio e responsabilità, al lavoro in turno, a particolari o gravose articolazioni dell’orario di lavoro e alla reperibilità”. Inoltre, saranno destinate anche a nuove progressioni economiche, ovvero scatti di stipendio su comprovate competenze professionali.

Aumenti– Un ulteriore aumento in busta paga di 20 euro lordi al mese per gli statali con redditi bassi che già percepiscono il bonus da 80 euro. E’ la cifra media ipotizzata, secondo quanto si apprende, per “l’elemento perequativo” contenuto nella bozza del ccnl Funzioni centrali in discussione all’Aran tra governo e sindacati.

Contrattazione integrativa – Polizze sanitarie integrative al Ssn sono previste per gli statali nell’ambito del welfare aziendale tra le opzioni che le pubbliche amministrazioni potranno scegliere in sede di contrattazione integrativa. Tra le misure, anche iniziative di sostegno al reddito della famiglia (sussidi e rimborsi) per i nuclei con redditi più bassi, supporto all’istruzione e promozione del merito dei figli, come ad esempio acquisto dei libri di testo, rette per l’asilo e l’università e contributi a favore di attività culturali, ricreative e sociali. Un’attenzione particolare viene prestata a favore dei dipendenti che hanno difficoltà ad accedere ai canali ordinari del credito bancario o che si trovino nella necessità di affrontare spese non differibili.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background