Onu boccia Gerusalemme capitale  

Scritto da il 20 dicembre 2017

Onu boccia Gerusalemme capitale

(Foto di repertorio – Fotogramma)

Pubblicato il: 21/12/2017 19:14

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato ‘no’ al riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele voluto dal presidente americano Donald Trump lo scorso 6 dicembre. Sono stati 128 i Paesi che hanno votato a favore della richiesta dell’Onu agli Stati Uniti di rivedere il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele, nonostante la minaccia di Trump di tagliare i finanziamenti americani. Nove sono stati i voti contrari alla risoluzione, 35 i Paesi che si sono astenuti.

Oltre agli Stati Uniti e a Israele, a votare contro la bozza di risoluzione presentata da Turchia e Yemen per il non riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele all’Assemblea generale delle Nazioni Unite sono stati Honduras, Togo, Guatemala, Palau, Micronesia, Isole Marshall, la Repubblica di Nauru.

Fra i 35 paesi che si sono astenuti figurano gli altri due paesi dell’America del Nord – Messico e Canada – insieme ad Australia e Filippine. Anche cinque paesi della Ue si sono astenuti, mentre hanno votato a favore della risoluzione che dichiara “nulla e non valida” ogni decisione sullo status di Gerusalemme 22 dei membri della Ue, tra i quali Italia, Francia, Germania e Gran Bretagna. Mentre altre 21 delegazioni non si sono presentate del tutto al voto, indicando che le minacce di Trump di tagliare i fondi e gli aiuti e l’azione di lobbing di Israele ha sortito dei risultati.

La risoluzione, cosa prevede – La risoluzione approvata a larghissima maggioranza dall’Assemblea generale dell’Onu “afferma che ogni decisione e azione che mira ad alterare il carattere, lo status o la composizione demografica della Città Santa di Gerusalemme non ha effetto legale, è nulla e non è valida”. Per questo ”deve essere rescissa in linea con le risoluzioni pertinenti del Consiglio di sicurezza e a questo proposito invita tutti gli Stati a non portare missioni diplomatiche nella città Santa di Gerusalemme”. La risoluzione, presentata da Turchia e Yemen, chiede a tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite di rifarsi alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza riguardo a Gerusalemme e a non riconoscere alcuna azione o misura contraria a queste risoluzioni.

Anp, è vittoria per Palestina– Il voto dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite su Gerusalemme, dice il portavoce del presidente dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) Mahmoud Abbas, ”è una vittoria per la Palestina”. “Questa decisione – ha aggiunto la portavoce della presidenza palestinese Nabil Abu Rudeina “riafferma ancora una volta che la giusta causa palestinese gode del sostegno della comunità internazionale e nessuna decisione presa da nessuna parte potrebbe cambiare la realtà, ovvero che Gerusalemme è un territorio riconosciuto dal diritto internazionale”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background