Bollo auto, chi non deve pagarlo  

Scritto da il 23 dicembre 2017

Bollo auto, chi non deve pagarlo

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 24/12/2017 12:14

Il bollo auto è forse tra le tasse più odiate. Ma chi possiede una macchina non può sottrarsi, a meno che non si rientri in uno di quei casi in cui non si è tenuti a pagarlo.

Tra i benefici fiscali riconosciuti ai disabili dalla legge 104/92, emerge l’esenzione del pagamento della tassa automobilistica per i veicoli destinati alla mobilità dei cittadini portatori di handicap o invalidi. Ovviamente la disabilità va dimostrata e riguarda quattro tipologie di esenzione: 1) disabilità con patologia che comporta ridotte o impedite capacità motorie permanenti; 2) disabilità con patologia che comporta grave limitazione della capacità di deambulazione; 3) disabilità mentale o psichica; 4) disabilità per cecità o sordità. L’esenzione spetta per un solo veicolo, scelto dal disabile stesso nel caso in cui possieda più veicoli, e la targa di questo deve essere indicata al momento della presentazione della domanda. Il beneficio fiscale spetta al portatore di handicap/invalido intestatario del veicolo oppure alla persona intestataria del veicolo se il portatore di handicap/invalido è fiscalmente a suo carico.

L’esenzione riguarda le autovetture, gli autoveicoli per trasporto promiscuo, gli autoveicoli per trasporti specifici, le motocarrozzette, i motoveicoli per trasporto promiscuo, i motoveicoli per trasporti specifici, sia condotti dai disabili sia utilizzati per il loro accompagnamento, fino a 2000 cc per i veicoli a benzina e fino a 2800 cc per i veicoli diesel. Non beneficiano dell’agevolazione gli autoveicoli, nonostante la specifica destinazione al trasporto disabili, intestati ad altri soggetti, pubblici o privati, come enti locali, cooperative, società di trasporto, taxi polifunzionali, ecc.

Ma, come si legge su laleggepertutti.it, esenzioni sono concesse anche per incentivare le persone a scegliere auto e moto che abbiano meno impatto ambientale possibile e che inquinino meno. Ecco perché ci sono alcuni veicoli di nuova generazione – auto ibride o elettriche o nate con impianti gpl o metano – che godono, anche se temporaneamente, di esenzioni. Queste regole però variano da Regione a Regione.

Insomma, chi deve comprare la macchina e si sta chiedendo come risparmiare un po’, probabilmente sarà incentivato dalla proposta di alcune Regioni di non pagare il bollo: infatti per i veicoli elettrici o ibridi è prevista l’esenzione dal pagamento del bollo dai 3 ai 5 anni. Scaduto questo periodo di tempo, comunque si pagherà un po’ meno del dovuto, perché la base imponibile su cui calcolare l’importo sarà decurtata, in linea generale, del 25 per cento.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background