Italia in tempesta, Roma in tilt  

Scritto da il 26 dicembre 2017

Italia in tempesta, Roma in tilt

(Fotogramma)

Pubblicato il: 27/12/2017 17:37

E’ arrivata la prevista intensa perturbazione atlantica con pioggia, vento e neve. Si registrano frane in Liguria, mentre su Roma nel primo pomeriggio si è abbattuta una forte grandinata. A causa delle avverse condizioni meteomarine stop ai collegamenti via mare.

La perturbazione continuerà a determinare forte maltempo su gran parte del nostro Paese, con un abbassamento delle temperature nella giornata di domani e la persistenza di una ventilazione sostenuta. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse che estende e integra quello diramato nella giornata di ieri. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche.

VENTI – L’avviso prevede dalla tarda serata di oggi venti forti, con rinforzi di burrasca, dai quadranti settentrionali su Piemonte e Lombardia, venti di burrasca, con rinforzi fino a burrasca forte, dai quadranti occidentali sulla Sardegna, con mareggiate lungo le coste esposte.

NEVE – Dalla giornata di domani attese nevicate con accumuli al suolo generalmente deboli, localmente moderati alle quote più alte: in particolare, la quota neve è prevista al di sopra dei 400-600 metri, sulle zone appenniniche dell’Emilia-Romagna e della Toscana; al di sopra dei 500-700 metri su Umbria e settori interni e appenninici di Lazio, Abruzzo e Molise; al di sopra dei 600-800 metri sui settori appenninici di Campania, Basilicata e Calabria centro-settentrionale. L’avviso prevede, inoltre, il persistere di venti forti o di burrasca, dai quadranti occidentali su Sicilia, Campania, Calabria, Basilicata e Puglia, con mareggiate lungo le coste esposte.

ALLERTA – Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani allerta arancione nel Lazio, sull’Appennino di Rieti e sui bacini del Liri e dell’Aniene, in Abruzzo sulla Marsica, sul Bacino dell’Alto Sangro e su quello dell’Aterno e, infine, su gran parte del Molise.

L’allerta sarà gialla sui restanti settori di Lazio, Abruzzo e Molise, su gran parte del Friuli Venezia Giulia, sull’Alto Piave in Veneto, in parte della Toscana settentrionale e meridionale, sui versanti appenninici delle Marche, sull’Umbria, sulla Campania, sulla Calabria e su gran parte di Puglia e Basilicata.

ROMA – Nella capitale alberi caduti e allagamenti per l’ondata di maltempo che in queste ore sta colpendo l’Italia. A quanto si apprende dalla sala operativa dei vigili del fuoco, in seguito alla forte grandinata sono caduti alberi in diverse zone della città. Al momento non risultano feriti ma alcune auto sono state danneggiate dalla caduta di alberi o rami, come a Mostacciano, dove questa mattina diverse auto parcheggiate sono state colpite da un grosso tronco. A causa del maltempo un albero è caduto anche sulla via Flaminia all’altezza del km 53+900 in direzione di Terni. Per allagamenti è chiusa via Ardeatina, all’altezza del Santuario del Divino Amore.

Sono già 110 gli interventi effettuati dalle 8 di questa mattina dai vigili del fuoco di Roma e provincia a causa del maltempo. Alberi e rami pericolanti o caduti, danni per acqua in appartamenti o su strada, cornicioni, tegole e pali caduti per il forte vento, sono solo alcuni dei disagi registrati. Le zone coinvolte vanno dal litorale al centro fino alla periferia.

LIGURIA – Picchi di 80 millimetri di pioggia caduta nelle ultime 24 ore e venti con raffiche oltre i 100 chilometri all’ora nel Levante ligure. Le intense precipitazioni hanno provocato alcuni piccoli smottamenti tra cui una frana sulla strada provinciale 39, a Santa Margherita Ligure, dove una decina di metri di terra e pietre sono caduti all’interno di una proprietà privata ed è stato istituito un senso unico alternato. Smottamenti si sono registrati anche a Lumarzo, sempre nel levante genovese. Occhi puntati sui corsi d’acqua principali, l’Entella il Vara e il Magra, che hanno mostrato un innalzamento dei livelli idrometrici con valori tuttora in lenta crescita ma tutti ampiamente al di sotto dei livelli di guardia. Segnalata neve sopra i 1.200 metri di quota, in particolare in Val Trebbia e sopra i 1000 metri di Val d’Aveto, dove si sono registrati 30 cm di neve nella zona del passo del Tomarlo.

NAPOLI – A Napoli un 17enne è stato ferito da un palo della luce caduto probabilmente a causa del forte vento nel campetto di calcio della chiesa Santa Maria della Libera, nel quartiere Vomero. Il giovane è stato trasportato all’ospedale Cardarelli e non è in pericolo di vita. Il campetto della chiesa avrebbe dovuto ospitare questa mattina la cerimonia inaugurale di un torneo natalizio di calcio a 5, che si sarebbe concluso il 30 dicembre, con circa 300 iscritti.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background