‘Ciao Maestro’, l’ultimo saluto a Gualtiero Marchesi  

Scritto da il 28 dicembre 2017

'Ciao Maestro', l'ultimo saluto a Gualtiero Marchesi

(Fotogramma)

Pubblicato il: 29/12/2017 12:45

È stato accolto da una piccola folla assiepata sul sagrato della chiesa di Santa Maria del Suffragio, a Milano, il feretro dello chef Gualtiero Marchesi, scomparso lo scorso 26 dicembre. Oltre ai famigliari e a personalità della cucina e della cultura, l’arrivo del feretro è stato salutato da un applauso dai cittadini venuti a omaggiare lo chef, considerato uno degli artefici della rinascita della cucina italiana nel mondo.

Gremita Santa Maria del Suffragio per la messa, mentre sul sagrato della chiesa, fra le altre, sono state esposte le corone del Teatro alla Scala e degli allievi di Bonvesin de la Riva.

Un visionario totale, lo Steve Jobs della cucina di 35 anni fa era lui” il ricordo dello chef Davide Oldani. Marchesi “ha saputo con molta eleganza e intelligenza portare avanti la forza di essere italiano. Introdusse 35 anni fa un menù senza pasta e riso, un coraggio da leone, un’intelligenza sopraffina e una vena artistica che pochi hanno”, ha aggiunto Oldani.

Gualtiero Marchesi “è stato un maestro, una persona molto buona, con uno spirito molto esigente ma anche di gioco. Aveva sempre una battuta per tutti” ha detto lo chef Antonino Cannavacciuolo.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background