“Ecco la verità”, Asia Argento contro Morgan  

Scritto da il 31 dicembre 2017

Ecco la verità, Asia Argento contro Morgan

AFP PHOTO / VALERY HACHE

Pubblicato il: 01/01/2018 12:26

“Ecco come è andata veramente”. All’indomani del lungo sfogo su Facebook di Morgan, che si è visto pignorare la casa di Monza per non aver pagato gli alimenti alla figlia Anna Lou dal 2011, Asia Argento risponde pubblicamente con una dura lettera indirizzata al quotidiano La Stampa, nella quale punta il dito contro il cantante cui è stata a lungo legata, accusandolo di mentire. “Morgan – scrive infatti l’attrice al giornale torinese – ha ignorato le sue responsabilità legali e morali, vergognosamente, trascurando completamente le cure della propria figlia, lasciando tale responsabilità interamente a una madre single in difficoltà finanziarie”.

L’attrice, che replica punto per punto alle affermazioni dell’ex compagno, accusa Morgan di continuare “pervicacemente ad ignorare le proprie responsabilità morali, prima che legali, di padre trascurando del tutto la cura di nostra figlia che oggi ha 16 anni e le cui esigenze, praticamente da sempre, ricadono soltanto su di me. Morgan conosce bene, oltretutto, le mie difficoltà lavorative, sa che io non lavoro da circa un anno e non ho mezzi sufficienti per provvedere a tutte le esigenze di nostra figlia“.

E sul procedimento di confisca della casa del cantante, Asia spiega di essersi sentita “costretta a sottoporre a pignoramento la casa di Morgan, sita in Monza, in seguito al suo inadempimento durato ben 6 anni dalla pronuncia del Tribunale e tuttora perdurante; peraltro, la misura del contributo di mantenimento per nostra figlia, fissato in 2 mila euro, non solo è stato ritenuto congruo dal Tribunale nel contraddittorio degli avvocati”, e di essere sicura che il contributo per le spese della figlia rientri “certamente nelle sue possibilità”.

E nel mirino dell’attrice finisce anche il racconto dei problemi finanziari di Morgan. “E’ facile oggi – scrive – voler sostenere che gli ingenti guadagni conseguiti siano stati persi per colpa di “ignoti commercialisti”. Se Morgan vive in maniera disordinata, trascurando persino i propri affari ed i propri guadagni, non può oggi pretendere di addossare ad altri le proprie colpe ma soprattutto non può far ricadere sulla propria figlia le sue presunte difficoltà economiche. Ove effettivamente esistenti tali difficoltà, Morgan ben avrebbe potuto rivolgersi al Tribunale per ottenere la modifica o la riduzione del mantenimento invece di girare le spalle alla figlia ed ignorare il provvedimento giudiziario”.

Ma non è tutto. Mentre giudica “puerile” la lamentela del cantante, l’attrice smentisce anche quanto scritto da Morgan sull’alto tenore di vita condotto da lei e dalla figlia Anna Lou: nessuna scuola privata, ma un istituto statale per la 16enne né vita mondana fra Parigi e Los Angeles come invece affermato nel post su Facebook.

Per la cantante, Morgan “omette di ricordare che 6 anni di mancato versamento del contributo al mantenimento di Anna Lou sono un tempo infinito ed insopportabile per qualunque persona. Il pignoramento rappresenta non una ingiusta aggressione del patrimonio di Morgan ma semplicemente un mezzo legale per costringerlo ad adempiere ai suoi doveri; a fronte di tale iniziativa, Morgan ben avrebbe potuto e dovuto, anche tramite i propri avvocati, offrire a me, nell’esclusivo interesse di nostra figlia, di estinguere anche parzialmente o ratealmente il suo debito”.

Poi la stoccata finale: “All’invito di Morgan di “dialogare volando alto e non solo di faccende pecuniarie”, non può che rispondersi ricordandogli che la vita di una figlia è colma di infinite esigenze quotidiane, morali e materiali, la cui soddisfazione da parte di entrambi i genitori è un imprescindibile obbligo morale e giuridico”.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background