Food: al via Taste of Courmayeur, restaurant festival sulle Alpi  

Scritto da il 21 gennaio 2018

Al via Taste of Courmayeur, restaurant festival sulle Alpi

Pubblicato il: 22/01/2018 10:43

Il Festival degli chef, dopo la città della moda e la capitale, si trasferisce in alta quota tra le vette innevate del Monte Bianco con un format trasformato per abbracciare le due anime della suggestiva località valdostana dove tradizione e glamour si incontrano: Courmayeur. ‘Taste of Courmayeur’, dal 26 al 28 gennaio, va ad arricchire il palinsesto dei grandi eventi proposti dalla città. Prende così vita, all’interno del Courmayeur Mountain Sport Center, una travolgente giostra gourmet ‘on ice’, ricca di colori, luci e musica, in cui i visitatori potranno assaporare tutti i profumi e i sapori della Valle e d’Italia.

Beit Events, società organizzatrice dei tre appuntamenti italiani (Milano, Roma e Courmayeur), grazie al grande coinvolgimento del territorio ospitante e delle istituzioni cittadine, propone un ricco palinsesto di attività rivolte a grandi e piccini, sciatori e amanti dello struscio, per raccontare le mille sfaccettature del nostro Bel Paese. Una girandola fatta di degustazioni, laboratori di cucina e mixology, incontri dedicati al buon cibo e grandi serate all’insegna della musica.

Una tre giorni culinaria dove appassionati e non potranno degustare, sperimentare e avvicinare la cucina di grandi chef provenienti da tutto il territorio italiano in quattro portate dal costo accessibile. Un nuovo approccio enogastronomico proposto questa volta da ‘Taste’ che per la prima volta utilizza una location fuori dal contesto cittadino e abbraccia un ambiente vacanziero come quello della montagna.

“Siamo onorati e felici di ospitare a Courmayeur – dichiara il sindaco Stefano Miserocchi – questo importante evento, alla sua prima edizione ‘on ice’, un’anteprima che accogliamo a braccia aperte e con grande favore. Sarà questa l’occasione per dimostrare ancora una volta l’eccellenza del nostro territorio, questa volta attraverso una declinazione sensoriale unica, il cibo, grazie ai suoi migliori interpreti, gli chef che saranno i veri portavoce della varietà, della ricchezza, della genuinità e della bontà della nostra ristorazione”.

“Una delle mission che Courmayeur si è data – spiega – è quella di offrire il meglio in puro stile italiano, e nel caso specifico alpino. Non mancheremo, quindi, di farlo anche in questa prestigiosa occasione che raccoglie ai piedi del Monte Bianco i migliori chef. Abbiamo nel tempo toccato le vette più alte con importanti eventi e in questa direzione si inserisce anche ‘Taste of Courmayeur’, che per tre giorni accoglierà chef valdostani, italiani, internazionali in un happening gastronomico che regalerà esperienze uniche a famiglie, viaggiatori appassionati di alta cucina e amanti della buona tavola”.

“‘Taste of Courmayeur’, che ci inserisce ancora una volta in una cornice internazionale, sposa la qualità dell’offerta del nostro territorio, pronto ad accogliere nuove sfide nel segno della passione, e voglia di offrire il meglio ai nostri visitatori e residenti. Il contorno di appuntamenti di questo Festival della gastronomia arricchisce questa tre giorni ed è un valore aggiunto, dando la possibilità a tutti di entrare davvero nella dimensione e nei valori del food, in una cornice alpina unica ed esclusiva”, sottolinea.

Anche in vetta, il format dei Taste Festivals rimane il medesimo: 6 ristoranti, 6 chef da tutta Italia, 1 grande menu da scoprire, 2 giornate all’insegna dell’intrattenimento della qualità. Si riconferma forte la partnership con i Jre-Jeunes Restaurateurs d’Europe, associazione che si propone di unire sotto il proprio cappello chef, tradizione e cultura del cibo proveniente da ogni angolo d’Italia. Gli chef si propongono di rappresentare la cucina italiana, rinomata ed esportata in tutto il mondo, sviluppandola in un contesto senza pari, da ingredienti genuini e profumati, come la sua terra. Gli chef che schiereranno in campo saranno: Luigi Pomata, del ristorante ‘Luigi Pomata’ di Cagliari; Giulio Coppola, del ristorante ‘La Galleria’ di Gragnano; Valerio Centofanti, del ristorante ‘L’Angolo d’Abruzzo’ di Carsoli.

Dopo Taste of Milano 2017, ritroviamo in vetta la Langosteria con gli chef Domenico Soranno e Denis Pedron, dove il ristorante si propone come uno stile ma anche un concetto, una visione e dei valori autentici. A rappresentare il territorio un piccolo ristorante, ricavato da un’antica casa del 1600, dove pietra e legno creano un’atmosfera accogliente, calda e famigliare, tipicamente montana: Café Quinson – Restaurant de Montagne di Morgex, con lo chef Agostino Buillas e la sua cucina che sperimenta nuovi sapori e tecniche innovative, senza tralasciare le ricette tipiche del territorio.

‘Taste of Courmayeur’ vedrà anche l’avvio di un grande e innovativo progetto studiato e sviluppato in collaborazione con Ferrarelle per proporre al pubblico un’esperienza innovativa: il ristorante Maestri in Cucina Ferrarelle. Nelle 3 edizioni di Taste 2018 uno dei ristoranti vedrà protagonista l’unione di intenti fra alta cucina e pizza gourmet. Il menù sarà composto da piatti contaminati da grandi maestri delle rispettive arti e studiato appositamente per celebrare l’eccellenza del prodotto pizza letto e interpretato da due punti di vista. Per la prima volta, tutto il pubblico di Taste potrà assaggiare le creazioni dei migliori interpreti delle tradizioni italiane della pizza affiancati, dall’estro creativo di alcuni chef italiani.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background