Tris della Lazio all’Udinese  

Scritto da il 23 gennaio 2018

Tris della Lazio all'Udinese

(Afp)

Pubblicato il: 24/01/2018 20:35

Missione compiuta: la Lazio stende l’Udinese, stacca l’Inter e si prende il terzo posto in solitaria. I biancocelesti sfruttano nel migliore dei modi il ‘jolly’ da tre punti del recupero di campionato contro i friulani, sconfitti per 3-0 all’Olimpico. Cambiano gli interpreti ma non la fame di gol della squadra di Inzaghi: dopo l’autogol di Samir, la Lazio chiude i conti nella ripresa con il raddoppio di Nani e il sigillo finale di Felipe Anderson e vola a 46 punti in classifica, a +3 sui nerazzurri. L’Udinese, invece, resta a quota 29 e perde la chance di avvicinarsi al treno per l’Europa.

La Lazio deve fare ancora a meno di Immobile e Inzaghi dà una chance a Nani, ben ripagata. Alle spalle del portoghese agisce Felipe Anderson, altro protagonista del match. Nonostante assenze e turnover i biancocelesti non perdono la vena realizzativa, anche se in realtà l’1-0 arriva al 22′ per un autogol di Samir.

Il difensore, a segno domenica scorsa contro la Spal, stavolta tradisce Bizzarri deviando di testa nella propria porta un cross teso di Milinkovic-Savic nel tentativo di anticipare Parolo.

La reazione dell’Udinese è immediata e al 26′ è Strakosha a salvare la Lazio volando a deviare il diagonale scagliato da Barak. Ma la squadra di Oddo, celebrato dai suoi ex tifosi prima della partita, rischia troppo in fase difensiva. E al 40′, complice un pallone perso da Nuytinck, per poco non viene punita da Parolo: il centrocampista arriva al tiro da buona posizione ma non inquadra la porta e l’Udinese si salva.

Non per molto però, perché in avvio di ripresa la Lazio raddoppia: Felipe Anderson va via a Danilo sulla sinistra e serve in mezzo per Nani che deve solo depositare in rete il pallone. L’Udinese abbozza una reazione e al 53′ chiede invano il rigore per un contatto fra Larsen e Parolo che il Var giudica regolare.

Oddo manda in campo forze fresche in attacco inserendo De Paul e Jankto al posto di Barak e Perica e proprio De Paul all’80’ ha la migliore chance per riaprire il match, ma Strakosha blinda ancora la porta sul suo destro potente. E nel finale c’è gloria anche per Felipe Anderson, che sfrutta il lancio di Lulic e dopo avere nuovamente bruciato sul tempo Danilo infila Bizzarri in uscita calando il tris biancoceleste. E ora la Lazio sente aria di Champions.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background