“Non lasciarmi cadere nella tentazione”, cambia il Padre Nostro  

Scritto da il 25 gennaio 2018

Non lasciarmi cadere nella tentazione, cambia il Padre Nostro

(Fotogramma)

Pubblicato il: 26/01/2018 10:33

Verso la nuova formulazione del Padre Nostro. La nuova versione della preghiera più conosciuta sollecitata dallo stesso Papa perché, come ha detto durante il colloquio intervista con il cappellano del carcere di Padova don Marco Pozza, “non è Dio che ci induce in tentazione”, arriverà insieme alla revisione del Messale. Lo ha spiegato il segretario generale della Cei, mons. Nunzio Galantino, raccontando ai media l’esito del Consiglio Episcopale Permanente.

La nuova versione ‘Non lasciarmi cadere nella tentazione‘, come ha spiegato Galantino, era già stata introdotta nella traduzione della Bibbia dal 2008. Poi la consuetudine in Italia ha prevalso e nelle parrocchie solitamente durante la messa si è continuato ad utilizzare la versione tradizionale della preghiera. “I vescovi italiani – ha spiegato il presule – hanno scelto di collocare il tema unitamente alla revisione del messale e appena sarà pronta ci sarà anche la nuova formulazione del Padre nostro. Ma non si facciano drammi attorno all’argomento”.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background