Gattinoni farà sfilare Gessica Notaro  

Scritto da il 26 gennaio 2018

Gattinoni farà sfilare Gessica Notaro

Isabella Albonico

Pubblicato il: 27/01/2018 15:48

“Farò sfilare stasera sulla passerella della Maison Gattinoni Gessica Notaro, la ragazza sfregiata con l’acido, le sue ferite evidenti che non ha avuto alcun timore di esporre”. E’ quanto ha dichiarato il direttore artistico della Maison Gattinoni Guillermo Mariotto, presentando oggi la collezione P/E dedicata all”Heritage’ dello storico marchio, nell’atelier di via Toscana, che sfilerà nella sala ottagonale delle Terme di Diocleziano.

“Gessica non si è nascosta dentro casa -ha aggiunto Guillermo Mariotto – ha deciso di uscire, ma soprattutto di guarire presto. E’ stata miracolata dalla Madonna. L’incontro tra me e lei -ha ricordato ancora- è infatti legato alla Madonna di Guadalupe. Ci siamo veramente capiti. La Madonna gli ha dato la forza per affrontare quanto accaduto. Gessica sta guarendo, sta recuperando l’occhio che pensava perduto e continua ad essere una donna attraente, affascinante”. (FOTO)

Ed ha proseguito il direttore artistico della Maison Gattinoni: “Con lei voglio onorare tutte le donne, di ogni età, donne di spettacolo, di cultura, ex mannequin come Isabella Albonico (classe 1937), immortalata da Irving Penn, Betty Dessy, Gloria Guida, e per la prima volta sulla passerelle di Gattinoni il top model, tra gli uomini più affascinanti del mondo, Stefano Sablas e John Daniel Zunda. Tutti al grido di ‘#wedoittogether’ l’associazione di cui faccio parte da due anni. Perché tutti insieme -ha sottolineato ancora- ma sempre uniti uomini e donna per cambiare il mondo”.

Non è stato facile per Guillermo Mariotto riportare in passerella icone della moda come Isabella Albonico, star dei favolosi anni Cinquanta… una sfida? “Diciamo che mi sono divertito moltissimo -ha risposto il grande stilista- è stata meraviglioso. Si tratta di donne di esperienza e gran classe che, riescono a trasmettere anche dopo anni. Nulla si perde con il tempo anzi migliora, come il vino”.

Per il prossima collezione Couture No Season il direttore creativo Guillermo Mariotto sfoglia l’archivio storico della maison. Un meraviglioso storytelling che profuma di Heritage, un viaggio sentimentale in assoluto divenire. Uno sguardo al passato, interpretando il presente, ripensando il domani. “Oltre mille abiti selezionati -ha raccontato Mariotto- rivisitati, ridisegnati, anche grazie all’apporto di una fashion stylist. Ma attenzione, non ci sarà nulla di scontato, di datato. Un defilè inaspettato, imprevedibile, con un futuro inatteso.

Guillermo Mariotto, nel corso della presentazione della collezione alla stampa è ritornato a parlare sul caso Weinstein. “Adoro le donne -ha confessato Mariotto- e vivo e creo per loro. Mi rifiuto di pensare che possano essere oltraggiate, maltrattate. Ho aderito consapevolmente, coscienziosamente a #wedoittogether semplicemente, lo ripeto, perché si tratta di un’associazione no profit che contempla al suo interno anche la presenza di molti uomini. Cambiano insieme il paradigma culturale -ha auspicato Mariotto- affinché un giorno la parità sia la regola e non l’eccezione”.

Le donne Gattinoni indossano grandi cappelli a falda larga realizzati artigianalmente (ricordate quelli indossati da Oriana Fallaci?), rubano le camice dagli uomini, ma le ingentiliscono con polsini realizzati in ‘voile over’, maniche a sbuffo strette da nastrini di sbieco in raso, corsetti ‘ancienne’ in pelle.

Sfilano nell’aula ottagonale delle Terme di Diocleziano chiffon e trasparenze con applicazioni di pizzo macramè e perle, colli importanti, cappottini colorati, giacche traforate in plissé, magli tricot realizzate con lane a pelliccia, pantaloni cargo pratici e trendy, un evergreen del guardaroba maschile che il direttore creativo della Maison Gattinoni ama confondere con capi più femminili. E per la sera sete e velluti, tessuti in pizzo, abiti ricamati (soprattutto fiori e motivi geometrici) stampati con vegetazioni lussureggianti. Una donna che deve poter esibire la propria femminilità senza ostentazione, mai volgare.

Guillermo Mariotto ha deciso di far sfilare anche il ‘fresh coat’ in satin con colli e bordi di pelliccia per lui, di piume per lei. Capi unisex eclettici e versatili che si adattano ad ogni tipo di fisicità. Vestibilità fluida, sciolta, decisa, mai banale. Con i nuovi marsupi, fanny pack, che cingono il corpo. Si allacciano al ventre. Occultano e si svelano, ostentano e custodiscono per una donna più libera. Contemporanee e macro cinture ‘no castigo’, pur sempre regali, come i gioielli che indossa la donna Gattinoni creati per l’occasione da Gianni De Benedittis del brand Futuro Remoto. Soprattutto cammei realizzati in una versione in pò rock, un pò punk, molto cool.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background