Re Federer, Slam n. 20  

Scritto da il 27 gennaio 2018

Re Federer, Slam n. 20

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 28/01/2018 12:52

Roger Federer vince per la sesta volta in carriera l’Australian Open, conquistando il ventesimo titolo del Grande Slam della sua carriera. Il 36enne svizzero, numero 2 del mondo e seconda testa di serie, ha sconfitto in finale il 29enne croato Marin Cilic, numero 6 del ranking Atp e del seeding, con il punteggio di 6-2, 6-7 (5-7), 6-3, 3-6, 6-1 in poco più di tre ore di gioco.

Per Federer, già trionfatore in Australia nel 2004, 2006, 2007, 2010 e 2017, si tratta del 96esimo trofeo messo in bacheca su 145 finali disputate, numeri che ribadiscono la grandezza del campione rossocrociato, una delle icone sportive di tutti i tempi, intenzionato ad allungare il più possibile il suo momento magico a dispetto della carta d’identità.

Nel decimo testa a testa fra i due (l’unica affermazione di Cilic nella semifinale dello US Open 2014) è un po’ timoroso l’avvio del croato che cede due volte il servizio e di conseguenza il primo set per 6-2 in 24 minuti. In apertura di secondo set primo momento di difficoltà per il 36enne di Basilea, che annulla due palle break consecutive prima di agguantare l’1-1. E nel game successivo, complicato (16 punti), è Cilic a salvarne una dopo aver commesso tre errori consecutivi con il colpo in uscita dal servizio.

Nel secondo set non si vedono break e si arriva al tie-break dove il 29enne di Medjugorie dal 3 a 2 per lo svizzero cambia passo, salendo sul 6 a 4 con un diritto potente sulla linea e poi chiudendo 7 a 5 con uno smash preciso dopo aver costretto sulla difensiva con una gran prima al corpo il campione in carica, obbligato dunque a cedere il primo set nell’edizione 2018 di questo torneo.

La reazione d’orgoglio del fuoriclasse svizzero non si fa attendere troppo: con una risposta vincente fa il break e sale 4-2 per aggiudicarsi il terzo parziale 6-3 con un ace. Immediatamente in avvio della quarta frazione Cilic, sbagliando un diritto sanguinoso sul 30-0, si fa strappare la battuta, ritrovandosi ad inseguire (0-2). Il croato cancella anche una chance dello 0-3, ma riesce ad riagganciare sul 3-3 Federer (primo break subito nell’incontro) con un paio di risposte vincenti, oltre a un doppio fallo dell’elvetico e poi sul 4-3 strappa di nuovo il servizio all’avversario trascinando il match al set decisivo.

Proprio nel gioco di apertura della frazione decisiva King Roger sventa due chance di break, caricandosi alla sua maniera, e subito dopo toglie lui la battuta a Cilic (2-0) complici anche un doppio fallo e qualche errore del gigante di Medjugorie, che si ritrova sotto 3-0 dopo tre game ai vantaggi.

A quel punto il croato non può più nulla per arrestare la corsa del lanciatissimo rivale: secondo break per il 5-1 e apoteosi con una seconda in kick sulla quale Cilic arriva solo a toccare la palla. Può di nuovo alzare le braccia al cielo, quasi in lacrime, il campione elvetico, che eguaglia con 6 successi nello Slam down under il record di Novak Djokovic e Roy Emerson.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background