Federalimentare: “Burocrazia zavorra del Paese”  

Scritto da il 28 gennaio 2018

Federalimentare: Burocrazia zavorra del Paese

Pubblicato il: 29/01/2018 15:12

La burocrazia è la “principale zavorra del nostro Paese. E la lotta ad una burocrazia che impedisce di investire ancora più di quanto stiamo facendo e di quanto vorremmo, è tra le priorità per l’industria alimentare italiana. Tuttavia, preoccupa che nessuno dei partiti la metta al primo posto dello sviluppo del Paese nei programmi, come invece dovrebbe essere”. E’ la denuncia-appello del presidente di Federalimentare-Confindustria Luigi Scordamaglia all’Adnkronos in vista delle prossime elezioni.

Nella classifica “Doing Business 2018” il ranking del rapporto annuale della Banca Mondiale, l’Italia è al 46esimo posto, la Russia al 35esimo – aggiunge Scordamaglia – questo fatto rende l’idea del perché molti degli investimenti non si fanno, non perché non ci siano le risorse ma perché non si può dedicare oltre la metà dell’anno ad adempimenti fiscali e pratiche burocratiche”.

Anche in Europa le cose non vanno molto meglio, per altri motivi. Le eccellenze agroalimentari made in Italy sono penalizzate dalle etichette a semaforo. E la Federalimentare è pronta a combattere la sua battaglia insieme alle organizzazioni agricole. “Finora la Commissione Ue se ne è lavata le mani, pilatescamente -prosegue Scordamaglia – andiamo a Bruxelles per dire due cose: la Commissione faccia il suo lavoro e crei condizioni uguali nel mercato unico. Inoltre, sull’informazione nutrizionale non decida l’ultimo dei Paese che non ha alcuna cultura alimentare, e si ascolti invece, la voce dell’Italia evitando di assegnare un rosso dissuasivo al Parmigiano Reggiano e un verde, che incentiva il consumo, a prodotti chimici ricostituiti”.

Nel 2018, ‘Anno del cibo italiano’, “dobbiamo concentrarci sulla conquista dei mercati mondiali e sulla tutela del made in Italy. La priorità assoluta, quindi, qualunque governo arrivi, – prosegue il leader degli industriali – deve essere rifinanziare un piano made in Italy ordinario, i cui fondi devono servire a tutelare le eccellenze italiane e a raccontare ai consumatori di tutto il mondo perché devono scegliere i prodotti veramente italiani e non l’italian sounding”.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background