Ira De Girolamo su liste Forza Italia  

Scritto da il 29 gennaio 2018

Ira De Girolamo su liste Forza Italia

Pubblicato il: 30/01/2018 17:28

Nunzia De Girolamo chiede il commissariamento e dimissioni del coordinatore regionale De Siano dopo aver scoperto per caso ieri mattina, dopo che tutti i vertici del suo partito le avevano confermato di essere capolista alla Camera nel Sannio, di essere diventata solo seconda, e non si sa per mano di chi. “E’ una storia molto strana e che non rispetta le indicazioni dell’unico grande capo e detentore dei voti nel mio partito, che si chiama Silvio Berlusconi”, ha detto a Myrta Merlino a ‘L’Aria che Tira’ su La7.

“Quello che forse qualcuno non sa nel mio partito – ha aggiunto – è che c’è sempre una manina che fa girare quelle liste, ed io l’avevo vista con i miei occhi. Questo cambiamento avvenuto nella notte significa quindi che qualcuno tra i rappresentanti regionali presenti, contravvenendo alle indicazioni del partito nazionale e del presidente Berlusconi, ha evidentemente cambiato queste liste”.

“Oggi credo – ha proseguito – che ci sia solo una cosa da fare: commissariare De Siano, non degno di rappresentare il territorio campano. De Siano deve essere rimosso perché la politica deve dare il buon esempio”.

“Quella notte a raccogliere le liste – ha continuato – c’erano De Siano, Cesaro, Paolo Russo e mi spiace molto dirlo, ma c’era anche Mara Carfagna. Io non posso accettare che esista un metodo di donne che odiano le donne. Mi aspetto che lei prenda le distanze da questa classe dirigente, perché lei è una donna diversa”.

Alla domanda di Myrta Merlino (“se non parla, avrebbe coperto in qualche modo questa azione?”), De Girolamo ha replicato: “E’ una soluzione ovvia. Se io ero lì, avevo le liste ed ero con loro e non ho fatto niente per evitarlo sono complice”.

“Chiedo quindi a Silvio Berlusconi – ha aggiunto – che è molto lontano da tutti questi personaggi, di ristabilire in Campania la buona Campania, ci sono tante persone valide nelle varie province. Lui che è un genio e vittima di tante ingiustizie deve far sì che avvenga questo cambio di mentalità, che ci sia una cultura diversa, non quella di chi sbianchetta le liste e che imbroglia. Al Sud e in Campania – ha concluso – c’è altra classe dirigente sana che non può stare all’angolo”.

LE REAZIONI – Per il senatore di FI Domenico Auricchio, il coordinatore regionale De Siano deve dimettersi. “Quanto perpetrato nei confronti di Nunzia De Girolamo – dice Auricchio – è un vero e proprio smacco anche ai tanti amministratori locali, dirigenti di partito e simpatizzanti che quotidianamente lavorano sui territori nel nome di Forza Italia e del presidente Berlusconi”.

A chiedere le dimissioni di De Siano è anche Gianpiero Zinzi, coordinatore provinciale casertano e consigliere regionale della Campania, che parla di “atto di banditismo politico che mortifica i territori e chi ha lavorato sino ad oggi per la crescita di Forza Italia. Il partito guida del centrodestra che ha le carte in regola per diventare la prima forza del Paese grazie al carisma e allo spessore del presidente Silvio Berlusconi non può essere gestito da uomini che, senza una motivazione politica, si assumono la responsabilità di manipolare le liste, inserendo e cancellando nomi a proprio piacimento”.

LA NOTA DI FORZA ITALIA – Sulla vicenda interviene una nota di Forza Italia. “Come già ampiamente ribadito tutte le scelte delle candidature sono frutto delle decisioni del tavolo nazionale di Forza Italia – si legge nel comunicato – Le continue e reiterate critiche nei confronti del senatore Domenico De Siano, coordinatore regionale della Campania, sono del tutto infondate. Il senatore De Siano ha ottemperato con attenzione e correttezza a quanto richiesto da Forza Italia che non può che rinnovargli fiducia e stima”.

LA REPLICA DI DE SIANO – De Siano da parte sua non vuole alimentare altre polemiche e respinge le accuse al mittente. “La nota dei vertici nazionali di Forza Italia parla chiaro in proposito, è inequivocabile” dice. Non c’è nessun caso De Girolamo, non c’è stato nessun blitz notturno, assicura il senatore all’Adnkronos: ”Ma di cosa parliamo? Se io avessi fatto una sciocchezza del genere, se io avessi fatto un blitz come mi accusano, allora il presidente Berlusconi e i vertici nazionali mi avrebbero destituito ad horas”.

De Girolamo chiede le sue dimissioni. “Lo ripeto – insiste De Siano – se avessi commesso una sciocchezza tale, già mi avrebbero mandato a casa. Questo significa che tutte le accuse che mi vengono rivolte sono prive di ogni fondamento, come dice chiaramente la nota dei vertici nazionali”.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background