M5S: attivista contro Di Maio, ‘Sui taxi del mare l’hai toppata’ ma viene attaccato sui social  

Scritto da il 30 gennaio 2018

Attivista M5S critica Di Maio sui 'taxi del mare' ma viene attaccato sui social

Alì Listì Maman

Pubblicato il: 31/01/2018 09:25

“Li chiamava taxi del mare! Ora rinnega ciò che scrive! Non si fa, non si fa! Salvare le vite umane è un valore ed un impegno sacro per ogni forza politica compreso il #movimento. Caro Luigi questa l’hai toppata”. A scriverlo su Facebook è un attivista M5S di Palermo, Alì Listi Maman, che alle ‘Comunarie’ di Palermo aveva ottenuto molti consensi ma poi non fu eletto, parlando delle ultime polemiche su Luigi Di Maio che ha smentito di avere mai parlato di “taxi del mare”. Ma le sue parole sono state duramente criticate da alcuni attivisti che lo attaccano: “Ma che scrivi?”, dice Giovanna Romano. Mentre Elena Bulla, nota attivista grillina, dice: “Scrive ciò che pensa, e a favore di un invasione senza controllo, Alì dimentica che siamo in Italia e non in Africa… Ma essendo africano tira l’acqua del suo mulino, per fortuna ha la cittadinanza italiana. A cosa può servirti se non servi il tuo paese”.

Alì Listì Maman è un avvocato trentenne nato in Niger, ma italianissimo, perché adottato da piccolo da una famiglia palermitana. Lo stesso Alì ha replicato a Elena Bulla: “Ti prego, dimmi tu a che mi serve. Io non ho parlato di invasioni. Mi dispiace per te che non sai leggere altro. Forse ti sfugge che sono italiano quanto te e sono orgogliosi di esserlo quanto orgoglioso delle mie origini. Ad maiora semper (te lo scrivo in italiano o pensi che sia un dialetto africano?)…”. Angelio Lamartina gli scrive: “Perché continuate a buttare fango sul Movimento che ti ha permesso di candidarti più e più volte? Riconoscenza, questa sconosciuta”. Ma anche questa volta l’attivista grillino gli risponde: “Ah non sapevo che fosse moneta di scambio il mio silenzio. Ricordati Angelo che non è questa la riconoscenza. Ah dimenticavo forse se uno è del movimento non ha diritto di critica”.

Arcangela Savarino scrive ad Alì Listì Maman: “Mi dispiace che tu venga attaccato da persone che sono convinte che fare parte di un movimento o un partito voglia dire non criticarlo ed essere sempre d’accordo su tutto, al punto di difendere l’ indifendibile. C’è bisogno di lucidità di pensiero, di critica: le uniche cose che consentono di crescere e migliorare un gruppo, ma mi rendo conto che non tutti possano capirlo. Alcuni hanno bisogno di essere guidati e comandati dall’alto, per evitare il faticoso lavoro di pensare con la propria coscienza. Ad maiora!”.

E Francesco Lo Fase si rivolge così al giovane avvocato: “Il problema di fondo è sempre lo stesso. Dai commenti emerge chiaramente che il movimento é tale e quale agli altri partiti con l’unica differenza che ancora non può dirsi che sia peggio darò che non ha governato il paese. Per il resto caro Ali fai silenzio… Non criticare giggino il ripetente”.

Mentre Fabrizio Bellavista dice: “Occorre farli parlare per capire cosa c’è all’interno del Movimento 5 Stelle. Non sentivo una frase razzista così da tanto tempo…”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background