Caso Pamela, c’è anche l’accusa di vilipendio di cadavere  

Scritto da il 1 febbraio 2018

Caso Pamela, c'è anche l'accusa di vilipendio di cadavere

Pamela Mastropietro (Foto da Facebook)

Pubblicato il: 02/02/2018 12:52

C’è anche l’accusa di vilipendio di cadavere tra le ipotesi di reato a carico di Innocent Oseghale, il 29enne nigeriano in stato di fermo per omicidio e occultamento di cadavere in relazione alla morte di Pamela Mastropietro, la 18enne che si era allontanata da una comunità di recupero e che è stata poi fatta a pezzi e ritrovata cadavere in due trolley a Pollenza. Il Pm ha richiesto la convalida del fermo e ora si attende che il Gip fissi la data dell’udienza. Il 29enne ieri ha negato ogni addebito.

Intanto si aspettano anche i risultati degli esami effettuati fino alla tarda serata di ieri, anche grazie alla collaborazione con il Ris di Roma, nell’abitazione di Oseghale dove oggi non sarebbero previsti altri sopralluoghi da parte dei carabinieri. Si continua ad indagare per ricostruire esattamente le ultime ore di vita di Pamela e restano ancora da accertare le cause esatte della morte, se sia stata uccisa o se sia morta per overdose prima di essere fatta a pezzi.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background