Renzi: “Brutto clima” 

Scritto da il 5 febbraio 2018

Renzi: La penso come Berlusconi, senza numeri si torni a voto

Pubblicato il: 06/02/2018 10:51

La penso come Berlusconi”, se dopo il voto del 4 marzo “non ci sono le condizioni è giusto che si torni a votare. Noi con gli estremisti al governo non andremo mai”. Lo ha detto Matteo Renzi, ospite di Agorà su Raitre.

“Nei collegi è avanti il centrodestra – ha sostenuto il segretario dem – ma al proporzionale è un testa a testa per il primo posto tra M5S e Pd. Il nostro obiettivo è arrivare primi”.

L’ex premier è tornato anche sul quanto accaduto a Macerata: “Più che i sondaggi, a me preoccupa il clima. Quello che è avvenuto a Macerata è stato subito buttato in politica. Noi abbiamo subito detto: ‘ragazzi calma, abbassiamo i toni’. Quando c’è una rissa chi dice ‘calma, abbassiamo i toni’ spesso non fa una bella fine, ma è importante farlo”. “Luca Traini è un potenziale killer, perché è uno che è accusato di tentata strage. Quel signore lì ha sparato alla sede del Pd, era iscritto a un partito politico ma io ho detto ai miei ‘Non buttiamola in politica’”, ha aggiunto Renzi.

“Combattere nelle scuole contro l’ideologia neonazista è un dovere – ha detto ancora – L’Italia è più sicura non con un pistolero matto che va in giro, ma se diamo risorse alle forze dell’ordine”. “La Costituzione italiana vieta la ricostituzione del partito nazionale fascista, questo è il riferimento – sottolinea Renzi – per me è fondamentale che, abbassando i toni, magari anche rischiando di perdere mezzo punto nei sondaggi, si spieghi agli italiani che questo paese è forte e solido e chi strumentalizza questa vicenda si deve vergognare, Forza Nuova che paga spese legali mi lascia molto perplesso”.

“L’immigrazione è un tema complicato – ha detto poi Renzi – ma non è esplosa per le politiche di centrosinistra, come dicono” bensì “per l’accordo di Dublino firmato da Berlusconi presidente del Consiglio nel 2013: quello fu un errore politico. Oggi Berlusconi dice che Dublino è un accordo scellerato: bene, cambiamolo insieme”. Detto questo, “non è stato il governo di centrosinistra ad aprire le porte, ma il governo” a guida Berlusconi.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background