Vaccino anti-eroina supera i test  

Scritto da il 14 febbraio 2018

Vaccino anti-eroina supera i test

(Fotogramma)

Pubblicato il: 15/02/2018 15:27

Gli scienziati dello Scripps Research Institute (Usa) hanno raggiunto un’importante pietra miliare nella messa a punto di un vaccino sicuro ed efficace per trattare sia la dipendenza, che l’overdose da eroina. La loro ricerca, pubblicata sulla rivista ‘Molecular Pharmaceutics’, documenta la sicurezza di una nuova formulazione nei modelli animali e la facilità di conservazione e trasporto del prodotto, caratteristiche che lo rendono pronto per i test sull’uomo.

La prima formulazione del vaccino contro l’eroina è stata sviluppata a partire dal 2013 da un team guidato da Kim Janda, e si è dimostrata efficace e sicura sia nei modelli di primati, sia in modelli non umani. Agisce formando anticorpi in grado di riconoscere e legarsi alle molecole di eroina, impedendo alla sostanza di raggiungere il cervello e causare lo ‘sballo’.

I ricercatori ritengono che l’inibizione della sensazione piacevole legata all’uso della sostanza contribuirà a eliminare la motivazione di molti tossicodipendenti a drogarsi o a ricadere nella dipendenza.

Poiché la molecola dell’eroina non stimola naturalmente una risposta anticorpale, i ricercatori hanno inserito nel siero una proteina che porta il sistema immunitario a produrre anticorpi. In più, hanno aggiunto un adiuvante, che aumenta proprio la risposta immunitaria e rende il vaccino più efficace. Spiega Candy Hwang, prima autrice dello studio: “Il nostro obiettivo era preparare un vaccino che potesse essere gestito negli studi clinici, quindi stavamo cercando la migliore combinazione di aptene (molecola presente nell’eroina), proteina e adiuvante per mantenerlo stabile nel trasporto e nello stoccaggio, ma comunque efficace”.

Prima di arrivare al ‘mix’ perfetto, i ricercatori hanno studiato il funzionamento di 20 diverse combinazioni, in liquido o in polvere (elemento risultato poi indifferente). I loro esperimenti sui modelli di roditori hanno dimostrato che la migliore formulazione del vaccino conteneva una proteina ‘carrier’ chiamata tossoide tetanico e gli adiuvanti allume e CpG Odn. La scoperta che l’allume era il miglior candidato è particolarmente significativa poiché si tratta di uno dei pochi adiuvanti usati in vaccini già approvati dalla Food and Drug Administration negli Stati Uniti. Ebbene, così composto il vaccino ha mostrato protezione contro dosi letali di eroina.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background