La birra è anche donna  

Scritto da il 19 febbraio 2018

'Donne della birra' sempre più protagoniste

Pubblicato il: 20/02/2018 14:25

Il legame col territorio e un lavoro di rete e di collaborazione in cui le birre sono il punto di partenza e, in un circolo virtuoso, il risultato. Sul piano del gusto, una ricerca dell’eleganza e dell’equilibrio, ma talvolta anche di un prodotto più ‘morbido’. Non mancano neppure le sperimentazioni più ardite che fanno, con l’aggiunta di spezie e prodotti locali, delle birre italiane delle vere eccellenze. Ecco le loro produzioni raccontate dalle protagoniste dell’incontro ‘Birre con il tocco femminile’, organizzato dall’Associazione Le Donne della Birra a Rimini, in occasione di Beer Attraction.

Ed è stato il primo incontro che ha riunito sei imprenditrici del settore per andare alla scoperta di un lavoro, ancora troppo spesso legato alla figura maschile, in cui le donne si vanno facendo spazio. “Sono donne di grande coraggio. Spesso i microbirrifici nascono da una passione, dalla birra fatta in casa, da cui scaturisce un piccolo business, e a quel punto occorre guardare anche alle esigenze del mercato”, ha affermato Elvira Ackermann, presidente dell’associazione.

Ma il mondo della birra si rivela anche un’opportunità quanto mai interessante in un momento di difficoltà occupazionale come quello attuale e le donne la stanno cogliendo.

Ingegnere meccanico, cinque lingue parlate e scritte, tre figli di cui due gemelli, Giovanna Merloni, titolare della Ibeer di Fabriano (Ancona) e in passato amministratore delegato dell’importante azienda di famiglia, è approdata alla birra per passione, ma anche analizzando ‘freddamente’, forte dell’esperienza maturata, le concrete possibilità di business. “La birra richiede un investimento inferiore in termini di tempo rispetto al vino, altra mia grande passione”, ha indicato Giovanna Merloni.

Mentre la lecchese Giulia Bonacina, 29 anni, una laurea in marketing e pubblicità, ha lasciato un lavoro sicuro per ‘buttarsi’ nella birra per amore, come dice lei stessa, seguendo il suo compagno e la sua famiglia in un’avventura imprenditoriale di successo di cui lei è socia con incarichi operativi di comunicazione e amministrazione. Il suo tocco femminile, però, si ritrova anche nel gusto della gamma Dulac. “Adoro le birre belghe e quante volte freno sulla luppolatura pensando a un gusto femminile, come il mio”, ha spiegato Giulia.

C’è, poi, Elisa Lavagnino, 36 anni, un dottorato di ricerca in Ingegneria e nuove tecnologie, titolare del birrificio Taverna del Vara, che ha ‘usato’ la birra per tornare alle radici, recuperando, dopo un apprendistato presso il Piccolo Birrificio Clandestino, l’attività del nonno di produzione di spuma e vino nell’entroterra spezzino. “Le mie birre parlano di territorio e produzioni locali”, ha sottolineato Elisa, che pensa alla birra come a un prodotto di famiglia, elaborato con l’attenzione e la cura che le donne per tradizione riservano alla loro cucina.

Una donna del vino convertita alla birra: ecco Silvia Castagnero, piemontese della provincia di Asti, titolare del birrificio Edfil e vincitrice del terzo posto nella categoria Pils di Birra dell’Anno 2018. “Una Pils che io ho ammorbidito nelle sue punte di amaro pensando proprio al gusto di noi donne”, ha detto Silvia, che, a quanto pare, ha avuto ragione. Ha 34 anni, viene da Francofonte, nei pressi di Siracusa, Valentina Russo: ha avviato la produzione della sua birra (Birrificio Ties) mantenendo in parallelo la sua attività in uno studio medico. “Una ricerca attenta e precisa dei prodotti della mia terra per produrre una birra risultato di una condivisione di progetti”, ha osservato Valentina, che propone una birra che profuma degli agrumi meno noti di Sicilia, come il taclè.

Infine, la più giovane, Silvia Amadei, 26 anni, che, guardando alla dinamicità del mercato birrario, dal 2014 ha inaugurato nell’azienda agricola di famiglia, la Agrilab di Campagnano di Roma, la produzione di birra. La sua caratteristica è, oltre a una maniacale e femminile attenzione a ogni dettaglio della fase produttiva fino al consumo del prodotto, l’utilizzo il più possibile di ingredienti di propria coltivazione, dal luppolo fresco alla zucca al miele.

Insomma, le donne imprenditrici stanno rivelando un’energia e una dinamicità che, anche all’interno di un settore in cui il ruolo dell’uomo è decisamente preponderante, le stanno facendo emergere con prodotti che conquistano la curiosità del mercato. Guardate finora con ‘sufficienza’ dal mondo maschile, stanno dimostrando invece tutte le capacità per far ritornare la birra alle sue origini, non dimentichiamolo, tutte femminili.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background