Food: a Eataly Ostiense va in scena la cucina romana d’asporto  

Scritto da il 22 febbraio 2018

A Eataly Ostiense va in scena la cucina romana d’asporto

Pubblicato il: 23/02/2018 18:09

Da questo mese, Eataly Roma ospita ‘Flavio al Velavevodetto’, un ristorante emblema della cucina romana. L’osteria di Flavio de Maio, partner storico di Eataly, sarà presente nello store romano, in una veste del tutto speciale. All’ingresso, nel piano terra, sarà allestito un corner dedicato alla cucina romana. La collaborazione con Eataly nasce dall’idea di unire la cucina tipica romana con la possibilità di consumare i piatti della tradizione nella versione cibo da strada o a portar via per rendere così le specialità gastronomiche della Capitale più fruibili al grande pubblico.

“È una pratica che in realtà già tanto tempo fa si faceva: le massaie o ci fornivano gli ingredienti per realizzare i piatti o venivano al ristorante con la pentola vuota e ci chiedevano di riempirla con la trippa, gli involtini o quello che c’era, e consumavano il pasto in casa”, racconta Flavio. Così, la celebre Osteria di Testaccio porterà da Eataly i piatti della tradizione romana, soprattutto i secondi; immancabile il quinto quarto – importante per la cucina di recupero – come anche il pollo, il coniglio, l’abbacchio e il manzo. Le verdure varieranno stagionalmente e ogni quindici giorni il menù cambierà per dare così sempre delle nuove e gustose proposte nel rispetto della cucina della tradizione.

Previsti: polpette al sugo, trippa alla romana, carciofi e patate, pollo alla romana, bollito alla picchiapò, coda alla vaccinara, involtini al sugo e tanto altro ancora. Secondi piatti che potranno essere utilizzati anche per realizzare dei primi, come lo stesso Flavio suggerisce: “Il condimento della coda alla vaccinara è ottimo per fare i rigatoni, il sugo degli involtini può essere usato per la pasta. Le famiglie numerose romane cucinavano i secondi in umido e poi li usavano per fare i primi piatti”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background