A Bari bisturi a raggi gamma contro tumori cerebrali  

Scritto da il 23 febbraio 2018

A Bari bisturi a raggi gamma contro tumori cerebrali

Gamma Knife

Pubblicato il: 24/02/2018 12:27

Una metodica senza incisioni chirurgiche per i tumori cerebrali, che conserva i tessuti sani dell’encefalo individuando in una sola seduta piccole e medie lesioni. E’ il ‘bisturi a raggi gamma’ di Anthea Hospital di Bari, struttura che fa parte di Gvm Care & Research, il Gruppo sanitario italiano presente in 9 regioni con 23 ospedali e 6 Poliambulatori. Il macchinario installato a Bari, accreditato con il Servizio sanitario nazionale, è il secondo in tutto il Sud dopo quello di Catania, con l’obiettivo di rendere Anthea Hospital un punto di riferimento per la cura delle gravi patologie encefaliche.

Gamma Knife è una strumentazione innovativa che individua un bersaglio intracranico – ovvero una parte dell’encefalo compromessa – con assoluta precisione attraverso sottili raggi gamma altamente precisi e mirati al trattamento di lesioni encefaliche di piccole e medie dimensioni. Tre sono gli sviluppi tecnologici che si combinano con la Gamma Knife: precisione tridimensionale, moderne tecniche di diagnostica per immagine e velocissimi processi computer grafici, che permettono di eseguire il trattamento in una sola seduta.

L’efficacia di questo trattamento, fa sapere Gvm in una nota, si aggira intorno all’80-90% e oltre e dipende principalmente dalla patologia: l’effetto desiderato può essere raggiunto anche in 1-2 mesi per le metastasi; in caso di nevralgie anche durante la seduta stessa; mentre necessita di 2-3 anni per tumori benigni e per le lesioni vascolari.

Le indicazioni cliniche, inoltre, comprendono patologie quali le Mav (malformazioni artero-venose cerebrali), i neuromi dell’acustico, i meningiomi, le metastasi, gli adenomi ipofisari, i craniofaringiomi e la nevralgia del trigemino. Gamma Knife viene spesso impiegata nelle condizioni d’insuccesso delle terapie farmacologiche o in pazienti che hanno già subito ripetuti interventi chirurgici senza trarre alcun beneficio. Molti tipi di tumore cerebrale, oltre il 90% dei casi, “rispondono bene alla terapia evidenziando un’assenza di crescita o una riduzione del loro volume”, aggiunge Gvm.

Ma come funziona? Il trattamento si esegue in una singola seduta e la degenza, salvo diverse indicazioni mediche, richiede due notti. La procedura, che dura dai 30 ai 90 minuti, non necessita né di anestesia generale né d’incisione, pertanto non comporta i rischi (emorragia, infezione) tipici della chirurgia tradizionale. Al paziente viene applicato un casco – chiamato casco stereotassico – per mezzo del quale si esegue una diagnosi per immagini della situazione intracranica. Questi esami strumentali consentono di stabilire con certezza millimetrica il punto della lesione da trattare attraverso l’irradiazione di sottili raggi gamma.

Grazie a questa precisione e all’efficacia a breve termine dei risultati ottenuti, la Gamma Knife è divenuta la terapia d’elezione per molte indicazioni tumorali e vascolari che erano in passato incurabili, o affrontate chirurgicamente con rischi ed esiti controversi.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background