8 marzo, serenata e fiori alle prostitute  

Scritto da il 7 marzo 2018

8 marzo, serenata e fiori alle prostitute

(Facebook /Fanpage)

Pubblicato il: 08/03/2018 13:01

“Perché è la festa anche loro, anche di quelle donne sfruttate e costrette a vendere il proprio corpo”. Una canzone dolcissima e un fiore per le prostitute di Napoli per la festa della donna. Questa l’iniziativa di Fanpage, che insieme al cantautore Claudio Gnut ha realizzato una candid commovente sulle note di “Pigliati nu poco ‘e bene”, brano scritto per l’occasione dall’artista che, fingendosi un cliente, ha regalato alle donne qualche minuto per non pensare a niente, perché “se ora non pensi a niente, niente può fare male”.

“L’otto marzo – scrive Fanpage nella didascalia che accompagna il video – è la giornata in cui si celebrano i diritti delle donne. Ma tantissime donne nel mondo non hanno alcun diritto e vivono come schiave. Secondo il Global Report on Trafficking in Persons 2014 delle Nazioni Unite ci sono 21 milioni di persone che sono oggetto di tratta o schiavitù. Il 59% delle vittime è una prostituta. Come omaggio a queste donne (e per ricordare la loro condizione) abbiamo pensato di dedicare loro 5 minuti in cui potessero non pensare al male che subiscono. Il cantautore Claudio Gnut ha scritto questa serenata ed è andato a cantargliela dal vivo, imbastendo una piccola serenata, dal titolo ‘Pigliati nu poco ‘e bene'”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background