‘Chiuso per sciopero’  

Scritto da il 7 marzo 2018

'Chiuso per sciopero'

Pubblicato il: 08/03/2018 06:56

Giovedì nero in tutta Italia. Dai trasporti alla scuola passando per la sanità, questo 8 marzo rischia di paralizzare l’Italia a causa dello sciopero generale indetto dai sindacati di base in tutti i settori pubblici e privati. Uno sciopero, in alcuni casi di 24 ore, a cui si aggiunge la protesta ‘globale’ (in Italia aderiscono tra gli altri Cub e Usb) delle donne contro ogni discriminazione di genere e ogni forma di violenza maschile.

Sanità – Slai Cobas, Usi, Usi-Ait, Usb e Cub Sanità hanno indetto uno sciopero generale di 24 ore di tutti i settori pubblici e privati per il settore sanitario, sociosanitario, educativo e assistenziale. Sono garantiti i servizi sanitari essenziali come l’assistenza ai degenti e l’assistenza in emergenza, mentre le attività programmabili potranno subire riduzioni.

Scuola – Con una nota del 23 febbraio, la presidenza del Consiglio dei ministri, dipartimento Funzione pubblica, ha annunciato “per l’intera giornata dell’8 marzo 2018 lo sciopero generale in tutti i settori lavorativi pubblici, privati e cooperativi, compreso il comparto scuola, di tutti i lavoratori e lavoratrici a tempo indeterminato e determinato, con contratti precari e atipici, dalle Associazioni Sindacali”. Le sigle coinvolte sono Slai Cobas per il sindacato di classe, USI Unione Sindacale Italiana, USI-AIT, USB Unione Sindacati di Base e il sindacato di comparto USI SURF. A scuole e istituti il compito, come da indicazione del Miur, di “comunicazione dello sciopero alle istituzioni scolastiche e, per loro mezzo, alle famiglie e agli alunni, e ad assicurare, durante l’astensione, le prestazioni relative ai servizi pubblici essenziali così come individuati dalla normativa citata che prevede, tra l’altro, all’art. 5, che le amministrazioni “sono tenute a rendere pubblico tempestivamente il numero dei lavoratori che hanno partecipato allo sciopero, la durata dello stesso e la misura delle trattenute effettuate per la relativa partecipazione”.

Trasporto pubblico locale – Per quanto riguarda Roma, il servizio sarà assicurato durante le due fasce di garanzia: fino alle 8,30 e dalle 17 alle 20. Nella notte tra il 7 e l’8 marzo non garantito il servizio delle linee notturne e della linea 913. Tutte le informazioni sullo stato del servizio della rete Atac saranno disponibili sulla piattaforma informativa InfoAtac. A Milano l’agitazione del personale viaggiante e di esercizio sia di superficie sia della metropolitana – riferisce l’azienda di trasporti locali Atm – è prevista dalle 8,45 alle 15,00 e dalle 18 al termine del servizio. A Torino il servizio urbano, suburbano e metropolitana sarà garantito dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle ore 15, quello delle autolinee extraurbane e servizio ferroviario (sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri e sfmA Torino-Aeroporto-Ceres) da inizio servizio alle 8 e dalle 14.30 alle 17.30. A Napoli l’Anm ha detto che per le linee di autobus saranno garantite le due fasce tra le 5:30 e le 8:30 e tra le 17 e le 20; Linea 1 metropolitana: ultima corsa da Piscinola alle ore 9.14 e da Garibaldi alle ore 9.18. La circolazione riprende nella fascia pomeridiana con prima corsa prevista da Piscinola alle ore 17.11 e da Garibaldi alle ore 17.51. L’ultima corsa è garantita da Piscinola alle ore 19.44 e da Garibaldi alle ore 19.48; le Funicolari Chiaia, Centrale Montesanto e Mergellina sospendono le corse alle ore 9.20. Il servizio riprende con la prima corsa delle ore 17.00 e termina con la corsa delle ore 19.50.

Trasporto ferroviario – Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane aderisce allo sciopero dalle 00.00 alle ore 21.00 di giovedì 08 marzo 2018. Le Frecce di Trenitalia circoleranno regolarmente. Per i treni regionali saranno garantiti i servizi essenziali previsti in caso di sciopero nei giorni feriali dalle ore 6 alle ore 9 e dalle ore 18 alle ore 21. Sarà inoltre garantito il collegamento tra Roma Termini e l’aeroporto di Fiumicino con il servizio ‘Leonardo Express’ o con autobus sostitutivi. E’ possibile consultare il programma di circolazione (e relative modifiche) dei treni a lunga percorrenza sul sito trenitalia.com. Anche Italo parteciperà allo sciopero nazionale e, al fine di diminuire i disagi per i viaggiatori, ha pubblicato sul proprio sito la lista dei treni garantiti. Trenord – durante lo sciopero il servizio Regionale, Suburbano, Aeroportuale, così come la lunga percorrenza di Trenord, potrebbero subire ritardi, variazioni e/o cancellazioni. Verranno comunque rispettate le fasce orarie di garanzia 6.00 – 9.00 / 18.00 – 21.00 e viaggeranno i treni inseriti nella lista dei ”Servizi Minimi Garantiti’ disponibile sul sito trenord.it. I collegamenti aeroportuali “Milano Cadorna – Malpensa Aeroporto” e “Malpensa Aeroporto – Bellinzona”, in caso di non effettuazione dei treni, saranno sostituiti da autobus Point-to-Point (Senza fermate intermedie).

Trasporto aereo – In una nota l’Enav ha comunicato lo sciopero nazionale dalle 13 alle 17 indetto dalle organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl-Ta e Unica. È inoltre previsto uno sciopero locale presso l’aeroporto di Roma-Fiumicino dalle 10 alle 18 indetto dalle organizzazioni sindacali Ugl-Ta e Unica. L’Ente assicura che saranno garantite le prestazioni indispensabili secondo norma vigente. Sul sito dell’Enac è possibile consultare l’elenco dei voli garantiti l’8 marzo. Inoltre durante lo sciopero – riferisce l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile – vi sono le fasce orarie di tutela, dalle 7 alle 10 e dalle 18 alle 21, nelle quali i voli devono essere comunque effettuati. Alitalia ha già cancellato complessivamente 130 voli, sia nazionali che internazionali, previsti per oggi e ha attivato un piano straordinario per limitare i disagi dei passeggeri, riprenotando sui primi voli disponibili il maggior numero possibile di viaggiatori coinvolti nelle cancellazioni: il 75% riuscirà a partire nella stessa giornata dell’8 marzo.

Donne – Nella giornata dell’8 marzo è inoltre proclamato dai sindacati italiani lo sciopero generale delle donne contro la violenza e la discriminazione di genere. Previste manifestazioni in 70 Paesi del mondo oltre all’Italia. Da noi, il corteo delle donne avrà il volto del collettivo femminista ‘Non una di meno’, autore dell’appello raccolto dai sindacati.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background