Roma, Sinetempore Harp Attack contro violenza su donne  

Scritto da il 7 marzo 2018

Roma, Sinetempore Harp Attack contro violenza su donne

Pubblicato il: 08/03/2018 13:02

Un progetto itinerante che si prefigge di dare un contributo alla costruzione delle coscienze per prevenire le violenze contro le donne, attivando iniziative che utilizzino nuovi linguaggi e nuove prospettive. La storie popolari, tramandate nel tempo e tradotte in ballate musicali, sono un esempio di come sia possibile stimolare riflessioni coniugando psicologia, musica e consapevolezza del valore della vita dell’essere umano. E’ il progetto ‘Un’àncora per non dire più ancóra, cambiare accento per cambiare prospettiva’, progetto ideato e promosso dalla psicologa e psicoterapeuta Sira Sebastianelli.

Nella Galleria Pulcherrima di Roma (via Merulana, 44) sabato, alle 17,30, sei arpiste dell’ensemble ‘Sinetempore Harp Attack’ eseguiranno brani musicali, tratti dal canzoniere popolare italiano, le cui tematiche vertono sulle vessazioni e violenze che le donne hanno subito nei secoli. Saranno presenti la presidente della Associazione Urbis et Artis Anna Salvati (Cavaliere della Repubblica), l’editore e gallerista Gastone Ranieri Indoni, la dottoressa Carla Mazzoni critica d’arte e il responsabile area manager della Urbis et Artis Federico Febbo.

Una breve riflessione psicologico-musicale introdurrà le ballate, eseguite dalle musiciste, singolarmente e in ensemble, con arpa celtica. Lo strumento dell’arpa celtica non è una scelta casuale, in quanto le corde di cui è composta producono vibrazioni che meglio di altri strumenti entrano in risonanza con le emozioni, attivando canali di comunicazione più efficaci di tante parole. Il gruppo Sinetempore è composto dalle arpiste Giulia Bertinetti, Luna Fecchio, Elisa Malatesti, Monica Molo, Rosita Di Pietrantonio e Sira Sebastianelli, che concluderanno l’evento con l’harpy hour.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background