Dado, l’impertinente a teatro  

Scritto da il 8 marzo 2018

“Sono nato in una famiglia borghese, a me a Natale negli anni Ottanta non regalavano le cinte El Charro, i jeans Levis, il Moncler, no: mi regalavano un barometro. Ora, mi dite che ci fa un ragazzo con un barometro? Potete capire dunque perché la borghesia mi stia un po’ qui”. Ospite questo pomeriggio di ‘Adnkronos Live’, Dado racconta il fil rouge del suo spettacolo ‘L’impertinente’, con il quale l’attore e comico romano è in scena al Teatro Tirso di Roma fino al prossimo 18 marzo. “Prendo in giro i borghesotti in tutti i settori – spiega- dall’amore, al sesso, alla religione”.

“L’impertinenza è una caratteristica degli artisti, e se io non lo sono è colpa di mia madre -scherza ancora il comico- perché mentre ai miei tempi gli artisti erano tutti sesso, droga e rock’n roll, io quando avevo un incontro con una ragazza giravo con l’Amuchina”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background