Rebus presidenze  

Scritto da il 8 marzo 2018

Rebus presidenze

(F

Pubblicato il: 09/03/2018 07:09

L’elezione dei presidenti delle Camere sarà il primo banco di prova per il nodo delle alleanze e la formazione di un governo di larghe intese. Lo schema iniziale sarebbe un esponente del centrodestra (quota Fi o Lega) a palazzo Madama e per Montecitorio un grillino o un dem di peso.

I nomi che girano sono vari, tutti da ‘verificare’. Per lo scranno più alto del Parlamento i papabili sono l’azzurro Paolo Romani e il leghista Roberto Calderoli. Se alla guida della Camera dovesse andare un pentastellato, i boatos insistono su Roberto Fico e Paola Taverna. Allo stato, le trattative per il primo passaggio obbligato della legislatura sono in alto mare.

E se al Senato potrebbero bastare un paio di giorni poiché, se dopo tre votazioni nessuno supererà la maggioranza assoluta, si andrà al ballottaggio tra i due più votati, alla Camera i tempi potrebbero invece essere più lunghi: per eleggere il nuovo numero 1 dell’assemblea, infatti, servirà la maggioranza dei due terzi nei primi tre scrutini, poi la maggioranza assoluta, e si andrà avanti così fino alla fumata bianca.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background