“Finanziava latitanza Messina Denaro”, arrestato ‘re’ dell’eolico  

Scritto da il 12 marzo 2018

Finanziava latitanza Messina Denaro, arrestato 're' dell'eolico

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 13/03/2018 07:39

Nuovo colpo ai fiancheggiatori del boss mafioso Matteo Messina Denaro. Alle prime luci dell’alba è scattata una vasta operazione che ha visto impegnati oltre 100 uomini, tra Carabinieri del Nucleo Investigativo di Trapani e del Raggruppamento Operativo Speciale nonché personale della Dia, che hanno eseguito 12 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip presso il Tribunale di Palermo, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della locale Procura della Repubblica, nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione e favoreggiamento nonché fittizia intestazione di beni tutti reati aggravati dalle modalità mafiose.

Tra i 12 arrestati, c’è anche il ‘re dell’eolico’, Vito Nicastri, noto imprenditore trapanese, accusato di avere finanziato la latitanza di Messina Denaro. Qualche anno fa, il Financial Times lo aveva definito il “Signore del vento”. A lui la Dia aveva confiscato in passato beni per 1,3 miliardi euro, tanto valevano le 43 società di capitali che Nicastri utilizzava per gestire i suoi affari nel settore dell’eolico.

L’operazione di stamani costituisce “l’esito di un’articolata attività investigativa, avviata nell’aprile del 2014 sotto il coordinamento della Dda di Palermo, che ha consentito di cristallizzare una serie di condotte criminose poste in essere da esponenti delle famiglie mafiose di Vita e Salemi, ritenuti possibili favoreggiatori del latitante Matteo Messina Denaro”.

Le indagini “hanno consentito di individuare i capi delle famiglie della Cosa nostra di Vita e Salemi e di assicurare alla giustizia diversi gregari”. Gli arrestati, “servendosi anche di professionisti nell’ambito di consulenze agricole e immobiliari, sono riusciti, attraverso società di fatto riconducibili all’organizzazione mafiosa ma fittiziamente intestate a terzi, a realizzare notevoli investimenti in colture innovative per la produzione di legname nonché in attività di ristorazione”.

L’attività d’indagine svolta dagli inquirenti ha “consentito di accertare che parte del denaro derivante dagli investimenti sarebbe stata destinata, dai vertici di cosa nostra trapanese, al mantenimento del latitante Matteo Messina Denaro“, dicono gli inquirenti. Contestualmente sono stati posti in sequestro tre complessi aziendali, comprensivi dell’intero complesso immobiliare nonché dei relativi mezzi d’opera, fittiziamente intestate a terzi ma ritenute strumento per il perseguimento dei fini economici dell’organizzazione criminale.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background