Il risiko delle intese  

Scritto da il 17 marzo 2018

Il risiko delle intese

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 18/03/2018 09:37

La trattativa per la scelta dei presidenti di Camera e Senato si fa sempre più serrata. Da una parte i 5 Stelle ribadiscono la volontà di “coinvolgere tutti in questa fase di individuazione delle figure … naturalmente riconoscendo il peso specifico di ogni vincitore”. Ma, ci ha tenuto a precisare Luigi Di Maio sul blog, “da parte delle altre forze politiche considereremo inaccettabili le proposte di candidati, per qualsiasi carica istituzionale in ognuna delle due Camere, che siano condannati o sotto processo“. Ed ecco ripartire un nuovo giro di telefonate “con i principali esponenti di tutti i futuri gruppi parlamentari: Salvini, Brunetta, Meloni, Martina e Grasso”.

Dall’altra parte c’è la Lega, che resta il partito più accreditato per il ticket con M5S. Con il leader Matteo Salvini che sottolinea come non abbia intenzione di fare “parte di quei classici governi dove ci sono dentro tutti per non fare niente, non avendo paura di andare a votare”. In vista di un governo che “non duri cinque mesi, ma che duri almeno dieci anni, per fare tutto quello che c’è bisogno di fare”.

Il Pd intanto, mentre cerca di capire come poter cambiare passo e ripartire, fa i conti con il possibile asse M5S-Lega. “Guai all’Aventino”, ma “la nostra dimensione è l’opposizione”, ha detto Maurizio Martina definendo con maggiore precisione la posizione dei dem alla vigilia di quella che dovrebbe essere la settimana ‘chiave’ per la definizione dei nuovi assetti istituzionali e, a seguire, di governo. Il vice segretario reggente lo ha detto al Nazareno, cornice dell’assemblea convocata da SinistraDem per fare il punto sul voto e che ha visto protagonisti Gianni Cuperlo, Andrea Orlando e Carlo Calenda. In platea, tra gli altri, Luigi Zanda. “Io penso che un governo M5s-Lega sia pericoloso per il Paese”, ha chiarito Martina spiegando che lo spazio per il Pd è ben definito: “Non ci tireremo indietro dal percorso da fare, ci aspetteremo che siano solo le forze che hanno vinto a fare le mosse, noi contrattaccheremo e cercheremo di organizzare la controffensiva”. E, ha aggiunto, “se i vincitori hanno in testa di fare un secondo temo di campagna elettorale non ci avranno, combatteremo, reagiremo, non staremo a guardare”. A sollecitare una presa di posizione sull’Aventino del Pd era stato Cuperlo: “Io non vedo la strada per un accordo con chi ha vinto ma capisco meno l’invito a trovare un accordo a Lega e M5s. Io lo temo un governo sovranista, non vorrei consegnare l’Italia alla destra. Non farei il tifo per una soluzione dannosa e se ci fosse un appello per un governo condiviso non credo dovremmo scegliere l’Aventino”.

E di Aventino ha anche parlato Carlo Calenda: “Se M5s e Lega devono fare un governo, lo facciano. Se poi ci fosse un appello del presidente della Repubblica a un governo insieme a tutti gli altri, allora sarebbe un altro paio di maniche”, ha detto il ministro dello Sviluppo aggiungendo: “Io penso che M5S e Pd non debbano stare insieme in un governo politico, se poi ci sarà un appello del presidente Mattarella a tutti allora sara’ un altro discorso”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background