Sindaco paga biglietto ai profughi per mandarli via  

Scritto da il 20 marzo 2018

Sindaco paga biglietto ai profughi per mandarli via

(Foto Facebook Andrea Cassani)

Pubblicato il: 21/03/2018 20:22

Il sindaco di Gallarate, Andrea Cassani, ha pagato il biglietto ad alcuni profughi, un gruppo di 12 persone provenienti dal Gambia, ospiti di un centro della cittadina del varesotto – il KB srl in via Ranchet – perché se ne andassero dalla città a seguito della conclusione di un percorso di accoglienza. I migranti sono arrivati a Milano, scatenando le polemiche politiche. “Ricordo a tutti che siamo di fronte a persone. Non a un pacco da spedire da una parte all’altra del Paese”, ha detto l’assessore del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino. “Per evitare che divengano dei nuovi senzatetto – ha aggiunto – abbiamo deciso di ospitarli in strutture d’emergenza”, ma si aspetta che il sindaco chiude scusa.

Da Gallarate, ieri, sono stati trasferiti a Bresso una settantina di richiedenti asilo. Per chi non aveva i requisiti “abbiamo agevolato il loro viaggio verso metropoli più accoglienti e con più opportunità di Gallarate”, aveva scritto Cassani, applaudito da altri esponenti leghisti. “Sono sbalordito dalle parole dell’assessore Majorino che, da promotore delle marce pro invasione, è stato semplicemente accontentato dal sindaco leghista di Gallarate, Andrea Cassani”, dice Alessandro Morelli, capogruppo della Lega Nord a Palazzo Marino.

“Cassani ha tirato fuori di tasca propria i soldi necessari ad allontanare gli immigrati dal suo comune, mentre il Pd fa uscire i 5 miliardi del business dell’accoglienza dalle tasche degli italiani per bene”. Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda e deputato, sta dalla parte del sindaco. “Giustamente, non essendoci dormitori o strutture in grado di accogliere queste persone, espulse dalla Prefetture dal programma di accoglienza, ha scelto di assecondare la loro richiesta di raggiungere Milano”.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background