Timori a 5 Stelle  

Scritto da il 21 marzo 2018

Timori a 5 Stelle

AFP PHOTO / MARCO BERTORELLO

Pubblicato il: 22/03/2018 13:51

“Così regaliamo tutto al centrodestra”. Malumori diffusi, tra gli eletti M5S, soprattutto a Palazzo Madama, dove nelle ultime ore prende piede una vera e propria ‘sindrome da accerchiamento’. E’ saltata, rinviata entro le prossime 24 ore, l’assemblea congiunta di deputati e senatori grillini programmata oggi per le ore 13 a Montecitorio. Mal di pancia per la decisione, mai condivisa o decisa con un voto assembleare, di lasciare campo libero al centrodestra nella partita che si sta giocando per la presidenza del Senato. “E’ la seconda carica dello Stato – dice un senatore – assurdo restare fermi e non tentare, con il 32% di voti, di puntare alla presidenza”.

E con Silvio Berlusconi che ha aperto a sorpresa una linea di credito verso il M5S, il nervosismo è salito alle stelle. Ieri la senatrice Paola Taverna – che molti al Senato avrebbero voluto in corsa per la presidenza, con lei anche Barbara Lezzi – lo ha detto in chiaro, senza usare mezzi termini: “No a Berlusconi tutta la vita“. E prende piede il timore di ritrovarsi in minoranza nelle due Camere anche sulle altre caselle meno in vista ma ugualmente determinanti, vedi la composizione degli uffici di presidenza. Il tutto per puntare a Palazzo Chigi, “e se non dovessimo spuntarla? – si chiedono in tanti tra le file M5S – rimarremmo davvero col cerino in mano”.

“Ovvio che non saremo al tavolo con Berlusconi – osserva un senatore – ma lasciare a Fi la presidenza del Senato vuol dire comunque scendere a patti col Caimano”. Tanto che, raccontano fonti autorevoli all’Adnkronos, Roberto Fico, che oggi l’assemblea avrebbe dovuto ‘incoronare’ come candidato M5S alla presidenza della Camera, avrebbe confidato ad alcuni fedelissimi di essere pronto a sfilarsi qualora la situazione dovesse prendere una piega troppo compromettente.

Serpeggia anche la paura che Fico, un ‘duro e puro’ del Movimento della prima ora e da molti ritenuto il capo degli ortodossi, possa essere ‘impallinato’ dai voti del centrodestra, lasciando campo libero a una figura più vicina a Luigi Di Maio, in primis quella di Riccardo Fraccaro, indicato dal leader del Movimento come possibile ministro dei Rapporti col Parlamento in un ipotetico governo targato M5S.

Se da un lato c’è chi apprezza, nella base ma anche tra gli eletti, la trasparenza nei colloqui interlocutori con le altre forze politiche e gli aggiornamenti puntuali dei capigruppo e dello stesso Di Maio, dall’altra c’è chi, nella vecchia guardia grillina, non manda giù la gestione poco collegiale del nuovo corso del Movimento, dove le informazioni decisive restano ‘chiuse’ nell’inner circle del capo politico.

Non si esclude, infine, che la decisione di rinviare l’assemblea sia dettata dall’esigenza di fare il punto della situazione, magari rivedendo la strategia per la partita delle presidenze. “Ci sono movimenti tellurici – sussurra un eletto di lungo corso – forse le parole di Rosato, che ha aperto al confronto ripartendo da zero, hanno dato da pensare”.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background