“Calmo e gentile”: chi era il terrorista di Trèbes 

Scritto da il 22 marzo 2018

Calmo e gentile: chi era il terrorista di Trèbes

(AFP PHOTO)

Pubblicato il: 23/03/2018 17:14

Calmo, gentile, simpatico, con una buona parola per tutti. Viene descritto così dai vicini di casa il protagonista della giornata di paura che si è conclusa nella regione meridionale francese dell’Aude, nella zona di Carcassonne, con la morte di 3 persone e diversi feriti.

Secondo quanto ricostruito finora in base alle testimonianze e alle interviste, l’assalitore, Redouane Lakdim, un ragazzo di 26 anni di origine marocchina noto alla giustizia e ai servizi francesi, seguito in particolare dalla DGSI, Direction générale de la Sécurité Intérieure, già condannato e incarcerato a Carcassonne nel 2016, era attivo sui siti salafiti e noto per essersi radicalizzato. Era anche sospettato di aver effettuato un viaggio in Siria.

FAMIGLIA – Secondo i media francesi, il giovane viveva in casa con i genitori e 3 o 4 sorelle e frequentava regolarmente la moschea. Questa mattina avrebbe accompagnato la sorellina a scuola, racconta ‘Le Parisien’, poi avrebbe rubato un’auto a Carcassonne, uccidendo il passeggero e ferendo il conducente, per poi aprire il fuoco contro quattro agenti della CRS in borghese che facevano jogging. Uno di loro è stato ferito alla spalla. A questo punto l’arma si sarebbe inceppata e l’aggressore si sarebbe dato alla fuga in direzione di Trèbes in auto, inseguito dagli altri poliziotti.

L’ATTACCO – A Trèbes è entrato nel supermercato ‘Super U’ al grido di ‘Allah Akbar’ e dicendo “bombardate la Siria, morirete”. Una ventina di clienti si sarebbero dati alla fuga mentre all’interno l’uomo apriva il fuoco uccidendo due persone, il responsabile del settore macelleria e una persona anziana. Verso le 14:30 il sequestratore era ancora asserragliato nel supermercato, solo, con un colonnello della gendarmeria – che si era offerto volontario per ottenere in cambio la liberazione di un cliente – in ostaggio. Poi è scattato il blitz delle forze speciali deciso, secondo quanto ricostruito, dopo che sono stati sentiti dei colpi di arma da fuoco all’interno. Il sequestratore è stato ucciso, il gendarme è gravemente ferito.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background