Operazione governo  

Scritto da il 24 marzo 2018

Operazione governo

(Fotogramma)

Pubblicato il: 25/03/2018 07:21

Ora la palla passa al Quirinale. Dopo l’elezione dei presidenti di Camera e Senato, la partita per la formazione del governo è nelle mani del Colle. Una partita non facile, che probabilmente si aprirà dopo Pasqua, martedì 3 aprile, quando il presidente della Repubblica darà il via alle consultazioni. Ieri i neoeletti sugli scranni più alti di Camera e Senato, Roberto Fico ed Elisabetta Alberti Casellati, hanno incontrato il capo dello Stato, che in serata ha ricevuto anche il premier Paolo Gentiloni, salito al Colle per rassegnare le dimissioni.

“Voglio ringraziare ministre e ministri, tutto il governo – ha scritto Gentiloni su Twitter -. Sono orgoglioso di questa squadra, e onorato di aver servito l’Italia insieme”. Con l’elezione dei vertici dei due rami del Parlamento la road map per la formazione del nuovo governo comincia a delinearsi. Martedì verranno costituiti i Gruppi parlamentari ed entro giovedì i rispettivi uffici di Presidenza. Mercoledì la prima riunione della Conferenza dei Capigruppo e poi la seduta per eleggere il Consiglio di Presidenza, con la nomina di quattro vicepresidenti, tre questori e otto segretari d’Aula.

Nonostante le difficoltà e le polemiche, la tabella di marcia verrà rispettata con gli stessi tempi conosciuti in passato. Il presidente Mattarella osserverà le prerogative istituzionali senza per questo fare pressioni o esercitare interferenze nel dibattito tra le forze politiche prima di capire se e come sarà possibile dare vita a una maggioranza in grado di esprimere e sostenere un governo, quindi vagliare il profilo della personalità alla quale affidare l’incarico.

Tutte le procedure per l’insediamento delle Camere e dei Gruppi parlamentari dovrebbero concludersi intorno alla domenica di Pasqua, il primo aprile. Poi, dalla settimana successiva sarà possibile aprire le consultazioni. Al Quirinale saliranno i presidenti delle Camere, l’ex capo dello Stato Giorgio Napolitano e i rappresentati dei gruppi parlamentari. Al termine delle consultazioni, dopo aver registrato le posizioni dei vari partiti, Mattarella deciderà il da farsi: se conferire l’incarico esplorativo o l’incarico pieno per formare il nuovo governo. Nel frattempo, l’attuale presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, resterà in carica per il disbrigo degli affari correnti.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background