L’attesa di Silvio  

Scritto da il 27 marzo 2018

L'attesa di Silvio

(Fotogramma)

Pubblicato il: 28/03/2018 06:38

‘Vediamo che succede nei prossimi giorni…’. Come un consumato giocatore di poker, Silvio Berlusconi vuol ‘vedere’ le carte altrui. Costretto a ‘inseguire’ per adesso Matteo Salvini, che ha il boccino in mano per la formazione di un governo di centrodestra con i grillini, il Cav attende gli sviluppi della situazione ma non intende mollare la presa ed essere ‘dentro’ la partita. Per ora regge l’asse con la Lega: incassa il ‘paletto’ messo dal Carroccio sulla strada della formazione dell’esecutivo con i grillini: ”Senza Fi salta tutto”.

Per ora niente delegazione unica del centrodestra. Ognuno andrà per sé. L’ex premier non ha ancora deciso se accompagnerà al Colle per le consultazioni i due nuovi capigruppo rosa eletti stamane, Maria Stella Gelmini e Anna Maria Bernini. Berlusconi doveva venire a Roma per seguire da vicino le trattative con Lega-M5S, ma è rimasto ad Arcore. Secondo alcuni avrebbe preferito non muoversi da Milano anche per ‘sbollire’ la rabbia per il rinvio a giudizio arrivato ieri per il processo Ruby ter. Meglio staccare la spina e ‘blindarsi’ a Villa San Martino, evitando di parlare con la stampa e di alimentare polemiche sulla giustizia, che in questa delicata fase istituzionale potrebbero avere un pericoloso effetto boomerang.

Una versione smentita da ambienti azzurri: ”Il presidente è rimasto ad Arcore perché non serviva venire”. Un modo per dire che non c’erano nodi politici urgenti da risolvere, la partita sui capigruppo forzisti era già chiusa con scelte condivise, ma resta aperta quella sulla composizione degli uffici di presidenza, mentre il nodo di governo è ancora tutto da sciogliere.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background