Rifiuti, albergatori Licata: “Città al collasso”  

Scritto da il 28 marzo 2018

Rifiuti, albergatori Licata: Città al collasso

La protesta a Licata

Pubblicato il: 29/03/2018 15:37

“Siamo stanchi dell’emergenza rifiuti. Licata ormai è al collasso. La scorsa settimana siamo riusciti con fatica a garantire che la protesta rimanesse pacifica, seppur da più parti avessimo ricevuto sollecitazione per prese di posizione più radicali”. Non si placano le proteste dei cittadini e degli albergatori di Licata, grosso centro dell’agrigentino,ì dove da mesi la raccolta è a singhiozzi e le discariche dei rifiuti sono ovunque. Da settimane fioccano le disdette negli alberghi a causa dell’immondizia che si è accumulata per le strade. E dopo la protesta di giovedì scorso, i cittadini, stanchi, sono pronti a scendere nuovamente in piazza e annunciando altre forme di protesta. E’ quanto ribadito anche al commissario straordinario del Comune, Maria Grazia Brandara, che ha incontrato a Palazzo di città gli organizzatori del sit in di protesta della scorsa settimana. Erano presenti all’incontro, oltre al Commissario, affiancato da Giovanna Incorvaia, anche Giuseppe Patti e Mirko La Giglia della Cna Turismo, Giovanni Morello della Fipe, Francesco Gallì dell’associazione B&B, Totò Di Mino in rappresentanza della Confcommercio, Giuseppe Sorprendente, presidente del comitato di quartiere Montecatini.

“La città vive ormai una emergenza rifiuti diventata quasi endemica e che potrebbe nuovamente acuirsi nelle prossime settimane, i fratelli Catanzaro, gestori della discarica di Siculiana, hanno intimato l’alt agli autocompattatori provenienti da Licata se il comune non provvederà a saldare le spettanze pendenti”, dicono gli organizzatori della protesta. Una notizia appresa dalla stessa Brandara.

“Difficilmente percorribili anche le strade proposte dalle organizzazioni di categoria per gestire l’emergenza in attesa che, il prossimo autunno venga espletata la gara per l’affidamento per sette anni del servizio dei rifiuti”, dicono.

“Dopo essermi confrontata con gli uffici competenti – ha dichiarato la Brandara nel corso della riunione ai cittadini – posso dire che la legge non permette la realizzazione di aree di stoccaggio temporanee a meno che a gestirle non siano società autorizzate, e per un periodo non superiore a 48 ore. I costi sono proibitivi e graverebbero, ancora una volta, sulle spalle dei cittadini”. Slitterà anche l’avvio del servizio di raccolta differenziata nelle utenze non domestiche, il cui avvio era annunciato per il 31 marzo. Per far partire il servizio l’amministrazione comunale anticiperà somme per 470 mila euro.

Le richieste delle organizzazioni sindacali si è quindi spostata sul ritiro dei rifiuti ingombranti, sospeso ormai da mesi, e sulle opere di discerbatura delle strade cittadine. “Per entrambi i casi, il commissario ha preso impegni precisi”, dicono. In particolare, nel caso dei rifiuti ingombranti, Brandara “ha mostrato una diffida all’Apea (società che attualmente gestisce la raccolta) affinché venga ripreso il servizio al più presto. Attualmente è sospeso, sia il servizio di ritiro a domicilio, che la presa in consegna presso quella che era la piattaforma ecologica di Piano Bugiades”.

Infine si è parlato di un’iniziativa “di sensibilizzazione sociale che dovrebbe essere programmata da alcuni comitati di cittadini insieme al comune per dare un segnale alla città ma anche alle istituzioni regionali, in merito alla volontà di ripulire autonomamente parti della città come ad esempio la zona Playa”. A tal proposito è stato formato un gruppo di lavoro congiunto per la programmazione dell’evento subito dopo la Pasqua. “Lo scenario in vista della prossima stagione estiva, in mancanza di interventi straordinari da parte della Regione è altamente sconfortante, per cittadini e imprese”.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background