Blue chip italiane, la classifica  

Scritto da il 2 aprile 2018

Blue chip italiane, la classifica

Pubblicato il: 03/04/2018 07:01

A Piazza Affari alcuni titoli del FTSE Mib offrono maxi rendimenti con cedole assai generose. Grazie alla ripresa degli utili, che nel corso del 2017 sono tornati ai livelli pre-crisi se non oltre, le maggiori società quotate sono oggi in grado di remunerare in modo più preponderante gli investitori.

Il dividend yield, ovvero il rendimento del dividendo calcolato sul prezzo di mercato dell’azione, del FTSE Mib è tra i più alti tra gli altri indici europei, con una media di circa il 3,8%.

Le blue chip italiane che secondo lo studio sui dividendi di Piazza Affari di Money.it distribuiranno un dividendo superiore al rendimento del titolo di stato decennale italiano sono almeno 18.

Nella classifica delle blue chip più generose tra i titoli dell’indice italiano spicca Azimut Holding, che restituisce ai suoi azionisti oltre l’11% dell’attuale valore sul mercato con una cedola raddoppiata rispetto a quella distribuita lo scorso anno (da 1 euro a 2 euro). Lo stacco della cedola è previsto per il 21 maggio, mentre il pagamento avverrà il 23 maggio. Segue al secondo posto UnipolSai, che con una cedola di 0,145 euro restituisce agli investitori il 7,5%. Intesa Sanpaolo al terzo posto: il suo dividend yield verso lo stacco previsto il 21 maggio ammonta al 6,9%. Seguono Snam (cedola di €0,22) con un rendimento sul dividendo del 5,8% e Poste Italiane (cedola di €0,03) con un dividend yield del 5,7%.

Il mercato applaude al ritorno al dividendo di Unicredit, che sotto la guida dell’ad Jean Pierre Mustier è riuscita a promettere una cedola di €0,90 per azione per un rendimento dell’1,9%, pari del rendimento promesso al momento dal decennale italiano.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background