Di Maio apre a Lega o Pd  

Scritto da il 2 aprile 2018

Di Maio apre a Lega o Pd

Luigi Di Maio (FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 03/04/2018 18:19

Un’apertura nei confronti di Lega o Partito democratico, a patto che Forza Italia resti fuori dai giochi per la formazione del prossimo governo.

E’ la proposta lanciata da Luigi Di Maio, leader del M5S, durante la registrazione della puntata di ‘Di Martedì’ in onda su La7, alla vigilia delle consultazioni che saranno avviate dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

“Siamo a tanto così dal cambiare tutto – ha detto -: abbiamo un’occasione storica a portata di mano. Sento la responsabilità di non deludere le aspettative degli italiani che sono altissime, abbiamo la possibilità di farcela”.

CONTRATTO – Il candidato premier pentastellato ha parlato di una sorta di “contratto” di governo da sottoscrivere con la Lega o con i dem.

“Faremo ciò che abbiamo detto in campagna elettorale: proporremo un contratto di governo come si fa in Germania. Si fa ciò che c’è scritto, quello che non c’è scritto non si fa” è il senso di ciò che ha detto il leader M5S anche in assemblea congiunta, parlando di interlocuzione sui temi o con un Pd in cui Renzi non sia segretario oppure con la Lega.

I NUMERI – “Sappiamo che non ci sono numeri perché una forza politica governi da sola e dobbiamo essere concreti: io voglio proporre ai miei interlocutori un contratto di governo come in Germania. Mettiamoci attorno a un tavolo, decidiamo le cose da fare” ha detto Di Maio a ‘Di Martedì’.

“Chi sono i miei interlocutori? Io mi rivolgo al Pd che ora deve scegliere se seguire la linea di Renzi che, pur di fare dispetto a me e al M5S, fa un dispetto al Paese. Una linea irresponsabile. Io mi rivolgo al Pd che in questo momento non ha più come segretario Matteo Renzi, ma Martina con cui abbiamo interloquito più volte in questi giorni”. Per i 5 Stelle, ha aggiunto, il “primo interlocutore è Martina e il Pd in cui ci sono personalità che hanno lavorato bene come lo stesso Martina, Minniti, anche Franceschini”.

PD – E, in giornata, è arrivata la risposta del Partito democratico. Per il capogruppo a Palazzo Madama, Andrea Marcucci, “il Pd, coerentemente con le decisioni assunte in direzione, dirà al presidente Mattarella che non siamo disponibili ad alcun governo che abbia Di Maio o Salvini come premier. La proposta del leader 5 Stelle è ovviamente irricevibile”.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background