Mamma licenziata da Ikea, sindacato: “Non ci fermiamo”  

Scritto da il 3 aprile 2018

Mamma licenziata da Ikea, sindacato: Non ci fermiamo

(Fotogramma)

Pubblicato il: 04/04/2018 19:24

Ingiusto e non condivisibile“. Filcams Cgil di Milano commenta così il provvedimento del Tribunale di Milano che ha respinto il ricorso, presentato da Marica Ricutti nei confronti del licenziamento disposto nei suoi confronti da Ikea. La nota del sindacato denuncia come “la decisione del giudice non sembra tenere in alcuna considerazione una serie di questioni”. “Per questo la lavoratrice, con il sostegno della Filcams Cgil Milano, ha già dato mandato ai suoi legali di presentare il ricorso in opposizione, che nei prossimi giorni verrà depositato”.

Il Tribunale di Milano ha giudicato “non discriminatorio” il licenziamento di Marica Ricutti, ritenendo “gravi” i comportamenti della lavoratrice, al punto tale da “ledere il rapporto di fiducia tra datore e lavoratore“. Secondo Ikea, è stata riconosciuta “la gravità dei comportamenti” tenuti dalla ex dipendente e, “conseguentemente, ha confermato la legittimità della decisione di interrompere il rapporto lavorativo”.

La donna, divorziata con due figli di cui uno disabile, era stata licenziata il 21 novembre dello scorso anno. La decisione, dice all’Adnkronos l’avvocato Luca Failla, legale di Ikea, “non è una sopresa. Si tratta di un risultato nel quale abbiamo creduto tutti sin dall’inizio”. “Gli episodi contestati non attengono in alcun modo a giornate in cui veniva in discussione l’esigenza del bambino. E’ stato escluso che in quei giorni in cui la persona si è determinata con orari non in linea con quelli di lavoro fossero giustificati da esigenze di cura del bambino”conclude l’avvocato Failla.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background