OpenZone raddoppia, al via lavori ampliamento campus scientifico Bresso  

Scritto da il 5 aprile 2018

OpenZone raddoppia, al via lavori ampliamento campus scientifico Bresso

Pubblicato il: 06/04/2018 14:21

Partono a Bresso, alle porte di Milano, i lavori per l’ampliamento di OpenZone, il campus dedicato alle Scienze della Vita creato da Zambon, multinazionale farmaceutica nata nel 1906 a Vicenza che oggi conta oltre 2800 dipendenti in tutto il mondo. Il progetto, firmato dall’architetto Michele De Lucchi e presentato oggi nel corso di una conferenza stampa, prevede un investimento complessivo di 56 milioni di euro e punta, entro il 2020, al raddoppio degli spazi e dei laboratori esistenti, arrivando a una dimensione complessiva di 37mila metri quadri che potranno ospitare fino a 1200 persone.

OpenZone – spiega Elena Zambon, presidente dell’omonimo gruppo – è nato con la missione di creare un ecosistema imprenditoriale dove favorire lo scambio di conoscenze e la nascita di collaborazioni nel settore delle Scienze della Vita“. Attualmente “ospita già alcune tra le principali imprese biotech, farmaceutiche e di terapie geniche avanzate, fortemente orientate alla ricerca e all’innovazione”.

L’obiettivo è dunque di “trasformare quello che oggi è un network in una vera e propria community che possa condividere non solo gli spazi, ma anche anche valori e missioni“. In questo senso, secondo Zambon, “occorre cambiare gli ambienti in spazi aperti, luoghi di dialogo che favoriscano lo scambio delle idee e dove trovare ispirazioni”. Il tutto per “creare nuove soluzioni che consentano di migliorare la vita dei pazienti”. E per fare tutto questo “ci siamo affidati a un filosofo dell’architettura”, Michele De Lucchi.


Continua a leggere

Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background