Autobomba a Vibo Valentia 

Scritto da il 8 aprile 2018

Autobomba a Vibo Valentia

Immagine d’archivio (FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 09/04/2018 20:34

Esplode un autobomba nel vibonese: un morto e un ferito. Si ritiene sia stata probabilmente l’esplosione di una bomba, piazzata dentro l’auto, a causare la morte di un uomo a Limbadi, in provincia di Vibo Valentia.

Matteo Vinci, 42 anni, è deceduto nella deflagrazione dell’auto che stava guidando. Ferito gravemente il padre 70enne, con lui nella vettura: l’uomo, ex carrozziere in pensione, è stato portato all’ospedale Jazzolino, dove si trova ricoverato con gravissime ustioni sul corpo.

EX CANDIDATO – Vinci, ex rappresentante di medicinali, era stato candidato alle ultime elezioni comunali. L’esplosione dell’auto, una Ford Fiesta a metano, è avvenuta intorno alle 15:30 in una strada di campagna, via delle Fosse Ardeatine. Sul posto i carabinieri di Tropea, oltre al pm di turno della procura di Vibo e a un magistrato dell’Antimafia di Catanzaro.

Nel 2014 Vinci, con il padre e la madre, era stato arrestato per una rissa con i vicini di casa, imparentati con la famiglia ‘ndranghetista dei Mancuso, nata da una lite per motivi legati ai confini di un terreno agricolo.

COMITATO URGENZA – Il prefetto di Vibo Valentia Guido Longo ha convocato in via d’urgenza il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, dopo i gravi fatti avvenuti nelle ultime ore: l’autobomba esplosa a Limbadi e anche il danneggiamento del monumento in memoria di Filippo Ceravolo, giovane vittima innocente della mafia, a Soriano Calabro.

Al vertice, insieme ai massimi esponenti delle forze dell’ordine, anche il procuratore aggiunto della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro Giovanni Bombardieri.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background