Rivoluzione Alcoa, ai lavoratori il 5%  

Scritto da il 8 aprile 2018

Rivoluzione Alcoa, ai lavoratori il 5%

(Fotogramma)

Pubblicato il: 09/04/2018 15:22

“Abbiamo presentato ai sindacati due novità importanti: un aumento di capitale al quale dovrebbe partecipare Invitalia, quando si pronuncerà il suo Cda, che prenderà una quota e la seconda novità, un’associazione dei lavoratori a cui dovrebbe essere conferito il 5% della nuova società e un posto nel consiglio di sorveglianza“. Ad affermarlo è il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, al termine del tavolo su Alcoa. Infatti al ministero si è discusso della vertenza dello stabilimento ex Alcoa di Portovesme che è stato ceduto circa due mesi fa alla Sider Alloys.

La creazione di un’associazione per i lavoratori, rileva il ministro, “sarebbe il primo caso in Italia in cui i lavoratori di un’impresa partecipano all’azionariato di un’azienda. Un fatto che sarebbe ampiamente meritato”. Il prossimo incontro, aggiunge Calenda, “è previsto per il 3 maggio prossimo”.

Poi, in un tweet, il ministro risponde ai dubbi espressi dal portavoce della Cgil, Massimo Gibelli, che in un ‘cinguettio’ scriveva: “Il 5% di #alcoa a ‘un’associazione di lavoratori’ (??) è l’idea quantomeno problematica di @CarloCalenda. Diverso il discorso per il ‘consiglio di sorveglianza’ (se con questo nome non si intende il CdA). Sarebbe un primo e importante passo verso l’applicazione dell’#art46 Costituzione”.

“E perché sarebbe problematica? Il 5% – replica Calenda – va ai lavoratori costituiti in associazione. Gli utili rimangono nella loro associazione e possono essere utilizzati per fini sociali. Il posto in Consiglio di Sorveglianza li rende partecipi delle decisioni. Credo sia il primo caso in Italia”.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background