Si sveglia dal coma e accusa: “Volevano uccidermi”  

Scritto da il 8 aprile 2018

Si sveglia dal coma e accusa: Volevano uccidermi

(Fotogramma)

Pubblicato il: 09/04/2018 08:37

24 fratture, un polmone perforato e una ferita alla nuca. Quando Giovanni Antonio Pedranghelu, allevatore 36enne di Nughedu San Nicolò (Sassari) si è svegliato dal coma in ospedale, ha capito che non era rimasto vittima di un incidente stradale, come credeva inizialmente. Qualcuno aveva provato a ucciderlo.

Due settimane fa, racconta ‘L’Unione Sarda’, il 36enne è stato trovato di notte in una strada di campagna. Era esanime. Un automobilista che si trovava da quelle parti lo ha notato e ha chiamato subito i soccorsi. “È rimasto privo di sensi, ferito e al freddo, per un’ora. Buttato a terra come uno straccio – dice Antonio Secci, l’avvocato del giovane -. Chi lo ha investito lo ha gettato oltre un muretto, facendogli fare un volo di tre metri. Per fortuna è stato notato e soccorso. A detta degli stessi medici è un miracolato”.

Al risveglio dal coma, il 36enne, “terrorizzato” per quanto accaduto, si è ritrovato con 24 fratture e un polmone perforato. “Quando è tornato in sé – spiega ancora il legale – aveva solo ricordi confusi. L’ultima immagine che aveva in mente era quella dei fari di un’auto. Dunque il sospetto è che fosse rimasto vittima di un incidente stradale. Ma progressivamente i ricordi sono riaffiorati. E quell’abbaglio è diventato un veicolo che lo travolgeva, passandogli sopra”.

“Ma ciò che insospettisce e su cui si dovrà fare chiarezza è il trauma che ha alla nuca – prosegue l’avvocato -. Ci chiediamo: l’ha rimediato durante l’investimento oppure è stato prima tramortito con un corpo contundente e poi investito e gettato per strada da qualcuno che pensava di essere riuscito a ucciderlo?”.

Giovanni Antonio vuole capire come si siano svolti i fatti ed è per questo che ha denunciato l’accaduto. Per ottenere ulteriori elementi utili alle indagini, la Procura potrebbe incaricare un medico legale per effettuare accertamenti sulle ferite del 36enne. Inoltre, l’avvocato del giovane ha annunciato che darà mandato a un consulente per eseguire nuove perizie. “Vogliamo arrivare al più presto alla verità – conclude il legale -. I sospetti ci sono, ma le indagini devono fare il loro corso”.


Continua a leggere

Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background