Leggi razziali a fumetti aprono ‘Cartoons on the Bay’ 

Scritto da il 11 aprile 2018

Leggi razziali a fumetti aprono 'Cartoons on the Bay'

Pubblicato il: 12/04/2018 13:02

“Oggi non si celebra quello che è successo 80 anni fa con le Leggi Razziali ma si ricorda che quella pagina buia, firmata da Mussolini e Vittorio Emanuele III, si può ripetere perché il razzismo è tema dominante sulle principali pagine dei giornali”. Così il vice presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane, Giulio Di Segni, all’inaugurazione della mostra ‘1938-2018. Ottant’anni dalle leggi razziali in Italia’ nel Museo del Carcere Le Nuove di Torino, che ha dato il via all’edizione 2018 di ‘Cartoons on the Bay’, il festival dell’animazione crossmediale e televisiva organizzato da Rai Com.

Una mostra nella quale il mondo del fumetto ricorda le famigerate leggi razziali che “sono state un evento traumatico non solo per gli ebrei – sottolinea Di Segni – ma per tutta l’Italia che a causa di esse ha escluso dal lavoro molti professionisti solo perché erano ebrei. Il linguaggio del fumetto e dell’animazione è un modo attuale per raggiungere i giovani che spesso non conoscono questa pagina avvenuta solo 80 anni fa, perché a scuola non si arriva a studiare questo periodo storico”.

“La mostra mette insieme i lavori di 155 autori che spesso sono delle vere e proprie opere d’arte – sottolinea Roberto Nepote, presidente di Rai Com – in un luogo come il Carcere Le Nuove che in modo impressionante si contestualizza con il tema della mostra che resterà aperta fino al giugno e dopo un giro per l’Italia – annuncia – andrà in una sede permanente a Roma. Sono temi che guardano al passato e che ci portano a riflettere sul nostro futuro”.

“Tutta la Rai ha lavorato insieme a noi per questa mostra – ha detto il direttore artistico di Cartoons on the Bay, Roberto Genovesi – che dimostra come il fumetto non sia un linguaggio residuale ma uno strumento efficace per raccontare tempi difficili e complessi come questo”.

“Un linguaggio fondamentale per un tema come questo – ha detto l’assessore alla Cultura della Regione Piemonte, Antonella Parigi – che si rivolge a una fascia d’età alla quale è più difficile parlare di questi argomenti. Ringrazio la Rai per la sensibilità dimostrata nel raccontare questa tragedia del nostro Paese, non per retorica, ma per tenerci distanti da quegli orrori”.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background