730, i documenti necessari  

Scritto da il 12 aprile 2018

730, i documenti necessari

(Fotogramma)

Pubblicato il: 13/04/2018 06:54

Durante l’anno è meglio conservare alcuni documenti utili alla dichiarazione dei redditi sia che si provveda da soli all’invio del modello sia che ci si rivolga a un professionista o ad un CAF. L’elenco dei documenti per il 730 non ruota solo intorno ai redditi percepiti, ma riguarda anche tutte le spese detraibili o deducibili sostenute da portare in compensazione. In occasione della dichiarazioni dei redditi è necessario aver ricevuto la certificazione unica 2018, qualora si sia dipendenti, o relativa certificazione in caso si siano percepite delle ritenute. Occorre anche avere a portata di mano scontrini, ricevute, fatture e quietanze che provino l’effettiva spesa in caso deducibilità o detraibilità, ad eccezione delle spese già riconosciute dall’agenzia delle entrate e portate a conguaglio. Saranno necessari inoltre gli eventuali attestati dei versamenti compiuti tramite F24 e, in caso in cui il contribuente, che vanti un credito abbia chiesto il riporto nella dichiarazione dei redditi successiva, la dichiarazione relativa. Si ricorda che, nel caso in cui ci si rivolga a un soggetto terzo, è necessario presentare il codice fiscale del dichiarante (eventualmente anche del coniuge e dei figli a carico) e la propria carta di identità.

Ai documenti già citati, secondo i casi, si aggiungono anche: certificazione del datore di lavoro per colf e badanti, certificato delle pensioni eventualmente percepite all’estero, assegni periodici percepiti dal coniuge in base a sentenza di separazione o divorzio, documenti attestanti altri redditi ad esempio certificazione dividendi da azioni, ricevute di versamento di acconto dell’Irpef. In caso si siano percepiti redditi da terreni e fabbricati, i documenti necessari sono i seguenti: atto o contratto di compravendita, donazione, divisione, successione; contratti di locazione; visura catastale; copia bollettini versamento IMU e Tasi 2017. Infine, è opportuno avere con sé tutti i documenti (scontrini, fatture, ecc.) che confermino che il contribuente abbia sostenuto una spesa rimborsabile in occasione della dichiarazione dei redditi. Esistono svariati casi, tra i principali troviamo le spese mediche, farmaci e sanitarie; spese veterinarie; tasse universitarie; spese scolastiche; versamento degli interessi per mutui casa e spese di ristrutturazione. In ogni caso si ricorda che tutta la documentazione dovrà essere conservata fino al 31 dicembre 2023, termine entro il quale l’agenzia delle entrate potrà richiederli per eventuali controlli.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background