Pulitzer al caso Weinstein  

Scritto da il 16 aprile 2018

Pulitzer al caso Weinstein

Harvey Weinstein (Afp)

Pubblicato il: 17/04/2018 10:09

Il premio Pulitzer 2018 va ai giornalisti che hanno fatto emergere gli scandali dell’anno: il caso Weinstein e il Russiagate. Gli autorevoli riconoscimenti americani per il giornalismo, la musica e la letteratura sono stati assegnati ieri dalla Columbia University, che nella categoria del giornalismo ‘Public service’, servizio pubblico, ha voluto premiare il New York Times e il New Yorker per aver portato a galla il caso dei predatori sessuali a Hollywood, come Harvey Weinstein, il mogul caduto in disgrazia dopo le numerose accuse di molestie sessuali. Per le loro inchieste sono stati premiati Megan Twohey, Jodi Kantor e Ronan Farrow.

Al New York Times e al Washington Post è invece stato assegnato il premio per ‘National Reporting’, la cronaca nazionale, in particolare per aver raccontato e indagato sul ‘Russiagate’, le interferenze russe nella campagna elettorale statunitense, nell’amministrazione Trump e nel suo staff elettorale. Per il giornalismo di ‘Breaking news’ è stata premiata la redazione del Press Democrat, un giornale californiano locale che ha coperto con servizi e articoli gli incendi che l’anno scorso hanno devastato Santa Rosa e Sonoma County.

Per le indagini sul candidato al Senato in Alabama del partito democratico Roy Moore, accusato di molestie e aggressioni sessuali contro minorenni, nella sezione ‘Investigative Reporting’ è stato premiato il Washington Post, mentre per la categoria ‘Cronaca internazionale’ il riconoscimento è andato a Clare Baldwin, Andrew R.C. Marshall e Manuel Mogato dell’agenzia Reuters per aver raccontato le violenze del governo del presidente delle Filippine Rodrigo Duterte nella lotta senza quartiere al traffico di droga, sia durante la campagna elettorale sia una volta eletto.

Tra gli altri premi assegnati nel campo del giornalismo figurano il premio ‘Explanatory Reporting’ assegnato all’Arizona Republic e a Usa Today Network, ‘Local Reporting’ attribuito alla redazione del Cincinnati Enquirer, il ‘Feature Writing’ andato a Rachel Kaadzi Ghansah per il suo articolo su Dylan Roof, il ragazzo ritenuto responsabile della strage di Charleston del 2015. A John Archibald dell’Alabama Media Group è stato invece assegnato il premio nella categoria ‘Commentary’, mentre per la categoria ‘Criticism’ il riconoscimento è andato al critico del New York Magazine, Jerry Saltz.

Nella sezione musica, la giuria ha premiato il rapper Kendrick Lamar e il suo album ‘Damn’, mentre per la letteratura, nella categoria ‘Narrativa’ il Pulitzer è stato assegnato allo scrittore Andrew Sean Greer per il romanzo ‘Less’.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background