Di Maio apre a Martina, malumori fra i dem  

Scritto da il 17 aprile 2018

Di Maio apre a Martina, malumori fra i dem

(Fotogramma)

Pubblicato il: 18/04/2018 20:55

“Le proposte di Martina rappresentano un ottimo punto di partenza” per il contratto di governo. Durante l’assemblea congiunta dei deputati e senatori M5S che si sta svolgendo presso l’Aula dei gruppi di Montecitorio, Luigi Di Maiosembra guardare con interesse ai tre punti del programma Pd rilanciati dal suo segretario in un post su Facebook. Ma fra i dem è subito malumore.

“Il problema non è quello che decide di fare il Colle, il problema è il Pd e questo Pd non farà un accordo di governo con i 5 Stelle“. Un big renziano commenta così a fine giornata le voci che per tutti il giorno si sono alimentate nei conciliaboli alla Camera: in caso di fallimento del tentativo Casellati su centrodestra-M5S, un incarico a Roberto Fico la prossima settimana per vagliare il ‘forno’ Pd-5Stelle. “E’ un forno che non si è mai aperto”, ha puntualizzato il capogruppo al Senato, Andrea Marcucci.

Ma se i renziani definiscono “fantasiosa” qualunque ipotesi di accordo con i 5 Stelle, a partire da Luigi Di Maio premier, l’ala ‘dialogante’ dem non è così graniticamente chiusa a intavolare un confronto. Specie se fosse Fico l’interlocutore. I renziani la vedono in tutt’altro modo: “Il Quirinale dà un incarico esplorativo a Fico? Benissimo, i 5 Stelle implodono e per noi sarebbe solo un vantaggio…”.

Tuttavia, tra i ‘dialoganti’ c’è chi è convinto che il veto, alla fine, potrebbe cadere. Che Matteo Renzi (che continua a tenersi, anche fisicamente, lontano) abbia bisogno ancora di un po’ di tempo per arrivarci. Se restasse, insomma, solo il bivio tra nuove elezioni e un governo con i 5 Stelle sotto la regia del presidente Mattarella, allora le cose potrebbero cambiare. “Di Maio, ovviamente, non sarebbe il premier”. Ma serve tempo. E tra i dem c’è anche chi ipotizza che la prossima settimana potrebbe esserci un ulteriore giro ‘ristretto’ a Lega e M5S.

Al momento, comunque, i renziani continuano a ribadire il no ai 5 Stelle. Dice Ettore Rosato: con i 5 Stelle “non c’è nessun disgelo perchè non c’è un’apertura, noi siamo obbligati dalla Costituzione a un confronto con chi riceverà un incarico, chiunque sia ci parleremo e porteremo i nostri punti programmatici, siamo interessati a che questo paese abbia un governo e disinteressati che sia un governo Lega-Cinquestelle”.

Né quella di ieri di Maurizio Martina va letta come un’apertura al M5S ma “ha lanciato i punti presentati al Quirinale e contenuti nel nostro programma”, “siamo pronti a pedalare ma il problema è che prima di tutti devono pedalare quelli che dicono di aver vinto le elezioni. Certo noi non siamo fermi”.

E Rosato in serata puntualizza anche che “da parte del Pd non esiste alcun accordo con Berlusconi” riferendosi alle parole del leader di Fi che lasciando le consultazioni con la presidente Casellati ha detto ‘noi abbiamo una nostra idea…’. Possibile allusione a un asse privilegiato con i dem. “Non esiste”, sottolinea il vicepresidente della Camera.


Radio Veronica Classic

Current track
TITLE
ARTIST

Background