La mossa del Pd  

Scritto da il 17 aprile 2018

La mossa del Pd

(Afp)

Pubblicato il: 18/04/2018 06:58

Povertà, famiglie e lavoro. Tre punti per altrettante proposte. Il post su Facebook di Maurizio Martina arriva alla vigilia delle decisioni del Colle sui prossimi passi per formare un governo. “Un’iniziativa utile” rispondono dal M5S, mentre nel Pd continua la dialettica tra ala ‘dialogante’ e il fronte renziano posizionato sulla linea del ‘tocca a loro’.

Si parla di allargamento del reddito di inclusione e salario minimo garantito. Proposte non nuove e già contenute nel programma Pd, ma non così lontane da alcuni cavalli di battaglia dei Cinque Stelle. E i Cinque Stelle, infatti, hanno subito rimarcato positivamente l’uscita di Martina. Una piega che non sarebbe piaciuta affatto al fronte renziano. A quanto viene riferito, la mossa del segretario reggente non sarebbe stata concordata.

“Assolutamente no”, si dice tra i renziani. Ma, dopo un’iniziale perplessità (“per una fuga in avanti, fatta anche nei tempi sbagliati. Non era la giornata per farlo, alla vigilia dell’incarico…”, si commenta) alla fine è prevalsa una linea ‘soft’. Anche perché comincerebbe a circolare anche tra i renziani un certo timore per un’eccessivo immobilismo che starebbe spingendo i Dem verso l’irrilevanza.

Nella tarda serata di ieri Lorenzo Guerini prima e Andrea Marcucci dopo hanno chiuso la faccenda ribadendo che la linea Dem non cambia: “I tre punti indicati dal segretario reggente Martina sono un contributo rivolto a tutti i presidenti che riceveranno l’incarico dal capo dello Stato. In merito alla posizione del Pd- sottolinea Marcucci- è nota da settimane e non prevede aperture nei confronti di possibili esecutivi del M5S e della Lega. Mentre chi ha vinto il 4 marzo pensa ai forni e agli orti, noi pensiamo ai problemi degli italiani”.

Del resto anche lo stesso Martina nel pomeriggio di ieri aveva precisato che “le prime tre proposte Pd presentate oggi sono per gli italiani, non per questo o quel partito. Noi andiamo oltre i tatticismi degli altri“. Parole simili a quelle utilizzate da Andrea Orlando: “I tre punti del Pd appena comunicati da Martina rappresentano un’apertura ai Cinquestelle? No, è un’apertura alla società italiana, è un’apertura soprattutto a quelli che non ci hanno votato, assumendo ancora di più il tema delle diseguaglianze”.

Ma Orlando dice anche che nel Pd starebbe maturando “piano piano una posizione meno intransigente” nei confronti dei 5 Stelle “di quella che diceva guardiamo coi popcorn quel che fanno gli altri”. E Cesare Damiano aggiunge: “Martina ha avanzato tre proposte del Pd per l’azione di governo. E’ un passo avanti che ci consente di iniziare un discussione di merito e di tradurre finalmente in pratica l’affermazione che ‘non stiamo sull’Aventino'”.


Radio Veronica Web

Current track
TITLE
ARTIST

Background